Seguici su

Cerca nel sito

Lo pugnala con un coltello lungo 30 centimetri: lite finisce male a Civitavecchia

Sottoposto a fermo, per tentato omicidio, un cittadino tunisino che poco prima aveva accoltellato, in varie parti del corpo, un giovane civitavecchiese.

Più informazioni su

Civitavecchia – Nella notte tra sabato e domenica gli agenti della Polizia di Stato hanno sottoposto a fermo,  per tentato omicidio, un cittadino tunisino che poco prima aveva accoltellato, in varie parti del corpo, un giovane civitavecchiese.

Erano circa le ore 3.00 quando, davanti un locale situato a Piazza Leandra,  ancora affollata di gente per la  movida serale,  è iniziata una lite per futili motivi tra lo straniero, noto col soprannome di “Sala’”, e due giovani civitavecchiesi.

Al termine della discussione il cittadino tunisino si è allontanato per poi tornare, poco dopo, armato di un coltello da cucina lungo circa 30 cm, con il quale ha pugnalato in varie parti del corpo, in particolare alla testa ed al collo, uno dei due giovani con cui aveva litigato, lasciandolo a terra esamine.

La vittima, trasportata in ambulanza al pronto soccorso, è stata ricoverata con prognosi di 15 giorni.

Quando la pattuglia e gli investigatori del Commissariato Civitavecchia sono arrivati, hanno sentito varie persone presenti al fatto: grazie alle descrizioni fornite, i poliziotti sono riusciti a rintracciare lo straniero che si era nascosto all’interno di un locale-magazzino, adibito a dimora, situato nelle vicinanze della piazza.

Il tunisino aveva i segni della colluttazione sul volto e, nel lavandino della cucina, gli agenti hanno trovato il grosso coltello utilizzato come arma.  Il 30enne, con precedenti di polizia anche specifici e resosi irreperibile per la notifica di un decreto di espulsione, è stato sottoposto a fermo per il reato di tentato omicidio, arrestato per  resistenza a pubblico ufficiale e portato in carcere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Più informazioni su