Seguici su

Cerca nel sito

Claudio Stecchi: “Il 2020 decolla verso Orleans. Voglio essere tra i migliori” foto

A pochi giorni dall’esordio indoor del finalista mondiale dell’asta, conta sei gare prima del Mondiale di Nanchino. L’obiettivo è trovarsi in cima ai migliori

Ostia – La scalata verso il cielo inizia da Orleans. Sabato 11 gennaio va subito in pedana Claudio Stecchi (Fiamme Gialle) che apre in Francia la stagione olimpica di Tokyo nella tappa inaugurale del Perche Elite Tour.

Quello di sabato alle 19.30 è il primo di una serie di appuntamenti invernali che il finalista mondiale del salto con l’asta (leggi qui) ha pianificato per avvicinarsi ai Mondiali indoor di Nanchino (13-15 marzo): “Tappa di passaggio ma mica tanto – spiega l’azzurro – la rassegna iridata in Cina è l’obiettivo della stagione indoor e certamente nelle prossime settimane vorrei provare a battere il record italiano al coperto del mio allenatore Giuseppe Gibilisco”.

Lo scorso anno ci andò molto vicino decollando fino a 5,80, suo attuale primato tra indoor e outdoor, due centimetri in meno del primato nazionale in sala (5,82) che dal 2004 appartiene al siracusano campione del mondo.

Stecchi agli Europei di Cheboksary (foto@Colombo/Fidal)

CONDIZIONE C’È” – Il 28enne saltatore fiorentino, di stanza a Castelporziano, al Centro Sportivo delle Fiamme Gialle, è più determinato che mai e vuole competere ai massimi livelli in un panorama mondiale dell’asta che sta vivendo un periodo d’oro. “Non andrò a cercare la condizione, perché sento già di averla – racconta Stecchi, ottavo a Doha, attuale numero 13 del ranking mondiale – le risposte degli allenamenti sono buone, negli ultimi mesi sono riuscito a lavorare soprattutto sulla velocità e probabilmente vedrete un ingresso più rapido. I problemi fisici che mi hanno frenato nelle scorse stagioni sembrano risolti, sarò in pedana con la rincorsa completa da 18 appoggi”. Tra i possibili rivali, nell’elenco degli iscritti figurano il greco Konstantinos Filippidis e i francesi Axel Chapelle e Thibaut Collet.

SEI GARE PRIMA DI NANCHINO – Il piano di Stecchi è già pronto: “Dopo Orleans ho in programma di gareggiare di nuovo in Francia, il 18 gennaio a Bordeaux, poi in Germania a Karlsruhe il 31 gennaio, quindi a Lodz (Polonia) l’11 febbraio e a Berlino il 14. E sono in lista d’attesa per la super gara di Clermont-Ferrand del 22 febbraio, a casa di Lavillenie, dove è stata già annunciata la presenza dei primi tre dei Mondiali: Kendricks, Duplantis e Lisek. Di Nanchino mi piace la formula della finale diretta a 12: tra i migliori voglio esserci anch’io”.

(Il Faro on line)(fonte@fidal.it)

(foto@Colombo/Fidal-UfficioStampaFiammeGialle)