Seguici su

Cerca nel sito

Nel weekend prima perturbazione del 2020 con piogge e neve, seguita da irruzione fredda previsioni

Previsioni meteo Italia e Lazio dal 17 al 19 gennaio 2020

Più informazioni su

Previsioni Meteo Italia

La prima perturbazione del 2020 scorrerà su buona parte d’Italia tra venerdì e sabato e al suo seguito irromperanno correnti nordorientali più fredde.

SITUAZIONE. L’alta pressione rimane sempre la figura barica protagonista sull’Europa centro-meridionale e favorisce tempo stabile anche su gran parte d’Italia, a parte infiltrazioni umide che raggiungono il Mar Ligure provocando alcune locali deboli piogge sulla Riviera di Levante Ligure. Qualcosa però inizierà a cambiare da venerdì. Il flusso perturbato atlantico riuscirà a guadagnare spazio verso latitudini più meridionali ed una perturbazione eroderà parzialmente l’alta pressione innescando un certo peggioramento proprio tra venerdì e sabato al Centro-Nord, fino al basso Tirreno. Al suo seguito le correnti tenderanno a disporsi dai quadranti nordorientali facendo affluire aria fredda che determinerà un calo delle temperature a partire dal Centro-Nord e tempo a tratti instabile sulle regioni adriatiche dove la neve si abbasserà di quota.

METEO VENERDÌ. Peggiora dal pomeriggio sulle Alpi occidentali e Liguria con fenomeni in estensione entro sera a buona parte del Piemonte, poi anche ovest Emilia e Lombardia entro fine giornata, quando diverranno a carattere di rovescio sul Levante Ligure. Neve sulle Alpi dai 1000/1200m, dai 1400m sull’Appennino Settentrionale. Sul resto d’Italia tempo stabile, pur con nubi in aumento serale su Triveneto e regioni centro Tirreno con qualche fenomeno sparso in serata sulle zone occidentali dell’isola e sulla Toscana.

METEO SABATO. I fenomeni si trasferiranno rapidamente verso il Nordest intensificandosi sul Triveneto, piogge e rovesci in intensificazione anche sulle centrali tirreniche e Marche, ma in attenuazione da nord in giornata. Contemporaneamente qualche pioggia raggiungerà Campania, Calabria tirrenica e nordest Sicilia. Maggiori schiarite su Sardegna, adriatiche centro-meridionali ed ovest Sicilia. Quota neve intorno a 800/900m su Alpi orientali, 800/1000m sull’Appennino settentrionale, 1000/1200m su quello centrale. Inizieranno a calare le temperature, soprattutto al Centro-Nord.

METEO DOMENICA. Schiarite prevalenti su Alpi, Nordovest, regioni tirreniche ed isole maggiori salvo qualche addensamento temporaneo in più in Sardegna. Più nuvoloso su pianure del triveneto, Emilia Romagna, regioni adriatiche e Calabria ionica con qualche debole pioggia o nevicata sulla dorsale adriatica dai 400/700m. Temperature in generale diminuzione, soprattutto dall’inizio della nuova settimana.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Segui in diretta l’evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Per conoscere in tempo reale dove sta piovendo o nevicando consulta la nostra sezione Radar, con immagini in Real Time delle precipitazioni sia a livello nazione che regionale.

Consulta la situazione in tempo reale attraverso le misure del satellite geostazionario acquisite e rielaborate da 3BMeteo.

Previsioni Meteo Lazio

Perturbazione tra la sera e la notte con piogge e neve su Appennino tosco-emiliano

VENERDI’. una perturbazione nordatlantica è attesa sulle regioni centrali tirreniche. Nubi in aumento nel corso della giornata a partire dalla Toscana con piogge dal tardo pomeriggio sulle aree nordoccidentali, locali pioviggini su coste pisane e livornesi. Tra la sera e la notte piogge, localmente a carattere di rovescio, in estensione al resto della regione e, successivamente, all’Umbria e al Lazio. Neve sull’Appennino tosco-emiliano al di sopra dei 1300-1400 metri di quota. Temperature in lieve rialzo nei valori minimi, massime stazionarie. Venti deboli da Sud/Sudovest in graduale intensificazione, sino a moderati, sulle aree costiere della Toscana e del medio-alto Lazio. Moderati sudoccidentali sui rilievi. Mari mossi con moto ondoso in ulteriore aumento tra la sera e la notte sul medio Tirreno.

Commento del Previsore Lazio
Lento indebolimento dell’alta pressione, con nubi basse su alta Toscana. Da venerdì sera perturbazione in arrivo. Tornano piogge e la neve in Appennino

L’alta pressione mostra i primi segni di cedimento. Un blando flusso di correnti umide risale dal Tirreno favorendo ancora la formazione di nubi basse sulla Toscana, più consistenti sulle aree settentrionali, schiarite più ampie sull’Umbria e sul Lazio. Entro venerdì mattina ancora foschie e banchi di nebbia in formazione notturna sulla Toscana orientale, sulla Valle del Tevere e sulle valli umbre, in dissolvimento nelle ore mattutine. Freddo tra la sera e il mattino nelle zone di valle e di pianura in genere, per inversione termica, con gelate sui fondovalle appenninici e sulle valli della Toscana orientale, dell’Umbria e, nel Lazio interno. Tra venerdì 17 e sabato 18 gennaio attesa una svolta per l’ingresso di una perturbazione nordatlantica che dovrebbe riportare piogge, anche a carattere di rovescio e nevicate in Appennino, dapprima oltre i 1300-1400 metri, ma in ulteriore calo di quota entro domenica mattina. Rasserena con gelate possibili in maniera piuttosto diffusa nella giornata di martedì 21.

Più informazioni su