Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ostia Antica, tragico prelievo alle Poste: muore un uomo di 60 anni

Un uomo è stato colto da malore mentre effettuava un prelievo al bancomat della Posta. Vani i soccorsi

Più informazioni su

Ostia Antica – Stava effettuando un prelievo al bancomat della Posta quando si è accasciato al suolo. Ogni soccorso è stato vano.

È successo questa mattina, venerdì 17 gennaio, a Ostia Antica davanti all’Ufficio Postale di via dei Romagnoli 767. Un uomo sui 60 anni d’età stava effettuando un’operazione al Postamat quando si è sentito male.

Testimoni riferiscono che l’uomo si è accasciato sul marciapiedi stringendo le mani al petto. Qualcuno ha cercato di soccorrerlo. All’arrivo dell’ambulanza Ares 118 i sanitari non hanno potuto fare altro che accertare l’avvenuto decesso.

QUATTRO ORE PER RIMUOVERE IL CADAVERE

Il corpo esanime coperto da un lenzuolo è rimasto sul marciapiedi per circa quattro ore in attesa dell’autorizzazione alla rimozione da parte del magistrato di turno. Indignata la reazione di una donna che ha assistito alla pietosa scena. “Quello che mi fa arrabbiare – commenta sui social – è stato vedere l’ indifferenza delle persone, che pur essendoci un uomo deceduto, hanno continuato a fare la fila alla Posta, gente che aspettava il suo turno, nel frattempo fumava fuori. Quell’uomo era steso e coperto con un lenzuolo e una plastica trasparente, ed è rimasto lì per quattro ore, sotto lo sguardo indifferente delle persone. I carabinieri stavano in piedi davanti all’uomo , bloccando il passaggio davanti al banco posta, aspettando l’ arrivo del medico legale. Intanto quell’uomo coperto era sotto gli sguardi indifferenti delle persone. Non lo conoscevo, ma vedere un uomo coperto deceduto, mi ha fatto salire una rabbia indescrivibile, ora mi chiedo: ma la dignità di quell’uomo completamente esposto alla vista di tutti, dove era? potevano mettere un parapetto, per coprirne la vista. Potevano chiudere l’ ufficio postale. Ma non è stato cosi tutto era nella normalità, come se niente fosse, mi si è spezzato il cuore, ho sofferto e pianto , per quel signore, che nemmeno conoscevo. Povero uomo, senza rispetto per lui, tutto proseguiva come nulla fosse“.

 

Più informazioni su