Seguici su

Cerca nel sito

Daini al Circeo, l’associazione “Earth” diffida il Parco

L'associazione: "Il Parco promette di valutare alternative all'abbattimento ma, intanto, prosegue l'iter attuativo messo in campo con tanto di "premio di produttività"."

San Felice Circeo – Assume contorni sempre più grandi e sfaccettati la vicenda che sta spaccando l’opinione pubblica del basso Lazio in questi giorni: l’abbattimento dei daini che si trovano all’interno del Parco Nazionale del Circeo. A intervenire nuovamente sul tema, stavolta, è l’associazione “Earth”, che, in una nota, fa sapere: “L’Ente Parco promette di valutare alternative all’ abbattimento ma, intanto, prosegue l’iter attuativo messo in campo con tanto di “premio di produttività” previsto dal Piano di riduzione.”

Per questo, il presidente dell’associazione, Valentina Coppola, dopo aver chiesto al ministro dell’ambiente, Sergio Costa, di prendere una posizione netta sulla vicenda (leggi qui), ora fa sapere di aver  inviato all’ Ente Parco una diffida a voler dare seguito al piano attuativo tramite prelievo venatorio poiché la Legge 157/92 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” prevede che siano tentati prima metodi incruenti di controllo della fauna selvatica.”

Come andrà a finire, quindi, quest’ennesimo risvolto nella vicenda che, loro malgrado, vede protagonisti incolpevoli i daini del Circeo e la loro salvezza? Per ora, non è dato saperlo.

(Il Faro on line)