Seguici su

Cerca nel sito

Luigi Di Maio si dimette da capo politico del M5S: “Il mio compito è terminato” – VIDEO

La 'reggenza' del M5S, dopo il passo indietro del capo politico, spetterà a Vito Crimi, in quanto membro più anziano del comitato di garanzia grillino, come riportato dallo statuto del Movimento

Roma – “Sono qui per rassegnare le mie dimissioni da capo politico Cinquestelle. Molti mi hanno detto di non mollare, ma io non ci penso per nulla. Per quanto mi riguarda si chiude soltanto una fase. Ci sarò e non mollerò mai, continuerò a seguire il M5S”. Così Luigi Di Maio, dal palco dell’evento M5S al Tempio di Adriano dove è stato presentato il team dei facilitatori, ha annunciato ufficialmente le sue dimissioni dal leader.

Accolto dall’ovazione della platea, il capo politico uscente del Movimento Cinquestelle ha ringraziato per l’accoglienza per poi pronunciare il suo discorso: “Da oggi – ha sottolineato il leader uscente – la nostra organizzazione è definitiva. Dopo i facilitatori tematici e quelli organizzativi, finalmente ogni regione avrà persone che si prenderanno cura dei cittadini con più attenzione”.

E ha aggiunto: “Per stare al governo e dare risposte concrete alle persone serve essere presenti sul territorio in maniera organizzata e strutturata. Ho lavorato per un anno a questo progetto, dalle elezioni in Abruzzo del 2019, che ci hanno scosso non poco per il risultato. E adesso posso dire di aver portato a termine il mio compito. Da oggi inizia per il M5S il percorso per gli stati generali, i primi della nostra storia”. Gli stati generali, ha scandito Di Maio, saranno “un momento importantissimo in cui il M5S traccerà una nuova idea di paese per i prossimi decenni, lo faremo tutti insieme. Perché rispetto a quando siamo nati 10 anni fa l’Italia è cambiata, anche grazie al M5S”.

“Continuerò a lavorare per il bene degli italiani da ministro degli Esteri”, assicura Di Maio, che continua: “Il Movimento è un progetto rivoluzionario. Continueremo ad essere determinanti per l’Italia, abbiamo davanti a noi lungo percorso di crescita”. Poi il bilancio: “Se negli ultimi anni non fossimo andati così spesso l’uno contro l’altro, avremmo raggiunto risultati ancor più importanti”.

Ma, aggiunge, “dobbiamo essere coraggiosi e fiduciosi al tempo stesso. Mi fido di voi e di chi verrà dopo di me”. “Stare al governo richiede fiducia prima di tutto in noi stessi. Ci vuole pianificazione e realismo”, dice ancora Di Maio, per il quale l’esecutivo “deve andare avanti, i risultati arriveranno”.

Il M5S, del resto, “non può essere giudicato per 20 mesi al governo” e “dobbiamo avere il tempo di mettere a posto quello che hanno messo in disordine per 30 anni quelli di prima”. Dal palco, Di Maio rivendica: “Abbiamo fatto tanto da quando siamo al governo: per il lavoro, per le famiglie, la giustizia, l’ambiente. Nottate passate ai tavoli a lavorare”.

Di Maio si scaglia poi contro il “fuoco amico”: “Lesi dal tutti contro tutti, il rumore di pochi ha fatto danni -. Basta pugnalate dalle retrovie”. Il leader pentastellato ha condannato infatti gli “attacchi ai probiviri da chi fa il martire tradendo regole” e definito “da psichiatria chi lascia e sostiene il governo dal gruppo Misto”.

“Nessuna forza politica è mai stata sconfitta da un nemico esterno – ha continuato ancora -, bensì sempre dal suo interno. I peggiori nemici, sono quelli che uno non immagina mai di avere e che contraddicono i valori per i quali si è lottato insieme. Sono le persone che al nostro interno lavorano non per il gruppo e per gli obbiettivi comuni, ma per la loro visibilità. Persone che poi – spiega – non ci mettono la faccia quando si tratta di lavorare per le soluzioni, che criticano senza voler costruire, ma solo per distruggere”.

di maioE ancora: “A volte credo che sia anche questione di credere in quello che facciamo: abbiamo un’occasione storica di cambiare le cose in Italia. E se negli ultimi anni avessimo avuto fiducia un po’ di più in noi stessi, senza sentire il bisogno di andare troppo spesso l’uno contro l’altro, probabilmente avremmo raggiunto risultati ancora migliori”, ha aggiunto il capo politico dimissionario.

E sul suo futuro nel Movimento assicura: “Non lo mollerò mai, è la mia famiglia”. “E’ la fine di una fase, ma non del mio percorso nel Movimento. Vi ringrazio per l’affetto, ringrazio Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo per la fiducia, e Davide Casaleggio, che è quasi un fratello”, ha detto dal palco, prima di annunciare l’addio al ruolo di leader: “Sono qui per rassegnare le mie dimissioni da capo politico Cinquestelle. Molti mi hanno detto di non mollare, ma io non ci penso per nulla. Per quanto mi riguarda si chiude soltanto una fase. Ci sarò e non mollerò mai, continuerò a seguire il M5S”, ha aggiunto, per poi levarsi la cravatta d’ordinanza come gesto d’addio.

La ‘reggenza’ del M5S, dopo il passo indietro del capo politico, spetterà a Vito Crimi, in quanto membro più anziano del comitato di garanzia grillino, come riportato dallo statuto del Movimento. Sarà lo stesso Crimi, viene inoltre rilevato dalle stesse fonti, a scegliere il capo delegazione M5S per il governo, che non è stato indicato nella riunione di questa mattina tra Di Maio e i ministri pentastellati.

Conte: “Nessuna ripercussione su governo”

“La scelta di Luigi Di Maio di lasciare la guida del Movimento 5 Stelle mi rammarica, ma è una decisione di cui prendo atto con doveroso rispetto. Bisogna riconoscergli il merito di tanti risultati ottenuti: penso all’impegno profuso per la giustizia sociale e la legalità, a misure come il reddito di cittadinanza, la legge anticorruzione e la lotta ai privilegi della classe politica”.

Così il premier Giuseppe Conte, dopo il passo indietro di Di Maio da capo politico del Movimento. “Luigi è stato il protagonista della realizzazione di questi valori cardine del Movimento – prosegue il presidente del Consiglio – si è sempre battuto per essi e sono sicuro che continuerà nell’impegno in questa direzione”, dice, sottolineando come si tratti di “una tappa di un processo di riorganizzazione interna al Movimento 5 Stelle ormai in corso da tempo e che, sono persuaso, non avrà alcuna ripercussione sulla tenuta dell’Esecutivo e sulla solidità della sua squadra. Il nostro obiettivo continuerà a essere quello di costruire, incidere e fare la differenza”.

“Abbiamo tanti obiettivi da perseguire: continuare ad abbassare le tasse ai cittadini, combattere l’evasione fiscale, realizzare il green new deal, una giustizia più rapida, meno burocrazia, più investimenti e più cantieri. Il Movimento deve affrontare questa nuova fase. Ora dovrà completare questo processo e abbracciare con coraggio ed entusiasmo le nuove sfide che dovrà affrontare. Auguro a Vito Crimi di svolgere al meglio il lavoro che lo attende. Con Luigi Di Maio continueremo a lavorare fianco a fianco fino al 2023 per consolidare il ruolo di primo piano dell’Italia nell’Europa e nel mondo”, conclude il presidente del Consiglio.

(Il Faro online) Foto © Ansa