Seguici su

Cerca nel sito

Catini: “Su spiagge e demanio marittimo il Comune di Fiumicino continua a fare buchi nell’acqua”

"Se Montino non riesce a risolverli pensasse di andare in pensione".

Fiumicino – “Fiumicino è legata al mare e per questo tutte le azioni amministrative che riguardano la possibilità di agevolare e tutelare i cittadini che vivono grazie alle risorse del mare e che risiedono nelle aree del Comune interessate da particolari vincoli demaniali, dovrebbero essere di primaria importanza per la Giunta“. Lo afferma Massimiliano Catini responsabile di Azione Fiumicino.

“Purtroppo sembra che questa Amministrazione comunale (in continuità con la precedente e con la giunta della Regione Lazio, peraltro dello stesso colore politico), faccia di tutto per ostacolare l’impresa e la sopravvivenza dei cittadini della zona costiera.

Facciamo qualche esempio per chiarire: mentre il comune di Santa Marinella si sta muovendo per il rinnovo delle concessioni demaniali con delle delibere, a Fiumicino la questione resta in sospeso, senza che nessuno se ne occupi; per quanto riguarda, poi, le concessioni riguardanti le case del demanio marittimo, già da un anno la questione è appesa senza che il Comune abbia minimamente ritenuto opportuno sollecitare la Regione per dare seguito alle adempienze urgenti.

La questione dell’erosione della costa e dei danni agli stabilimenti e alle case è sempre attuale e sempre irrisolta, magari aspettano che l’acqua spazzi via tutto per non preoccuparsi dei rinnovi delle concessioni. Ricordo, poi che sulla questione dei chioschi pendono ancora avvisi di garanzia.

Anche nelle questioni apparentemente più semplici, come l’accesso degli animali domestici sugli arenili, si è creato un subbuglio, conclusosi, poi, con una sospensiva del Tar, naturalmente contro le decisioni del Comune. In ultimo, ma non per importanza, si aspettano le decisioni sul Pua (piano utilizzazioni arenili) e sulle aperture dei varchi che potrebbero, di nuovo, comportare discrezionalità opinabili a favore di alcuni piuttosto che altri.

Insomma sulla questione spiagge e demanio marittimo il Comune continua a fare buchi nell’acqua … che diventano un danno reale per i cittadini. Non si può ancora stare a guardare. Il sindaco smettesse di fare annunci e di occuparsi delle spiagge solo dopo i disastri naturali e facesse sentire la sua voce anche in Regione Lazio, Zingaretti in fondo dovrebbe dargli udienza. Noi continueremo ad ascoltare i problemi dei cittadini e glieli sottoporremo, lui cercasse di risolverli altrimenti, caro sindaco Montino, pensasse di andare in pensione, allora non avrebbe più da preoccuparsi”.