Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, Costanza: “Alla città servono delle aree musicali”

"Credo sia doveroso ringraziare tutti i consiglieri di maggioranza, che hanno accolto la proposta con entusiasmo, mentre altrettanto non si può dire del centrodestra"

Fiumicino – “La musica è parte integrante della nostra vita e rappresenta un elemento fondamentale per la crescita dei ragazzi, oltre ad essere una forma d’arte che unisce grandi e piccoli. Per questo motivo ho presentato una proposta che dia opportunità ai giovani (e meno giovani) del nostro territorio di fare musica“, si legge in una nota diffusa dal consigliere di Fiumicino Walter Costanza (M5S).

“Quella delle aree musicali per i giovani – spiega Costanza – è un’iniziativa già presente in molti comuni italiani ed in alcuni municipi di Roma, tra cui i nostri vicini di Ostia. Consiste nell’individuazione da parte del Comune di aree pubbliche che verranno dedicate alla musica, dove chi vorrà potrà recarsi liberamente e gratuitamente per suonare. Ho ritenuto opportuno portare questa iniziativa anche nel nostro Comune e credo sia doveroso ringraziare tutti i consiglieri di maggioranza, che hanno accolto la proposta con entusiasmo, proponendo di lavorare insieme sul regolamento ed individuare il prima possibile le aree musicali da mettere a disposizione”.

“Purtroppo – continua – non posso allo stesso modo ringraziare i colleghi del centrodestra, che invece si sono astenuti alla votazione. Addirittura dalla Lega ci è arrivata la richiesta di ritirare la mozione; un’incomprensibile stonatura, tanto per restare in tema musicale, rispetto ad un tema assolutamente trasversale e positivo per il nostro territorio e i nostri ragazzi. Per me però l’importante è raggiungere obiettivi che vadano a beneficio dei nostri figli, amici, nipoti – conclude Costanza -. Ci metteremo subito a lavoro nelle commissioni per redigere ed attuare il regolamento. Nel frattempo voglio mandare un messaggio a tutti i musicisti del nostro territorio: ragazzi, accordate i vostri strumenti!“.

(Il Faro online)