Seguici su

Cerca nel sito

Nuovo Ponte della Scafa a rischio: manca il parere della Riserva

L'associazione "Amici del Lungomare" scopre che manca il parere vincolante della Commissione di Riserva del Litorale: "il nuovo ponte è un'opera devastante per l'ambiente"

Ostia – Al nuovo Ponte della Scafa in via di realizzazione a ridosso di Tor Boacciana manca il parere della Commissione di Riserva del Litorale. E l’associazione “Amici del Lungomare” chiede che venga negata: si tratta di un’opera troppo impattante su un’area di altissimo pregio ambientale ed archeologico.

E’ una nota inviata al ministro per l’Ambiente Sergio Costa ed al presidente della Riserva Oreste Rutigliano a fare luce sul giallo che rischia di bloccare la realizzazione da 39 milioni di euro. Ricordato che “si tratta di un pesante intervento di trasformazione e di ulteriore urbanizzazione da realizzare in area di Tipo 2 e dovendo codesta spettabile Commissione di Riserva concedere l’autorizzazione di competenza” il presidente dell’associazione, Bruno Spinozzi, chiede che questa sia negata per “grave rischio ambientale”.

Spinozzi, che aveva già in passato messo in dubbio la validità del progetto (leggi qui), evidenzia le gravi criticità. “Il mastodontico ponte di cemento armato posto ad un’altezza di 18,82 metri, collegato a via Romagnoli con un complesso sistema di poderose rampe sostenute da una serie di grandi pareti in cemento armato” costituirebbe quella che Spinozzi definisce “una violenza al Parco Archeologico di Ostia Antica” che andrebbe invece salvaguardato.

C’è poi la questione dell’eccessivo consumo di territorio.Nel contesto assai pregiato del Parco – osserva Spinozzi – ben 11 ettari vengono impegnati per la realizzazione di una nuova e complessa struttura viaria con poderose rampe per raggiungere 18,82 metri a cui, immotivatamente (il ponte attuale rimane al suo posto, anzi l’ANAS ha già programmato il rifacimento dell’intero impalcato) sarà posto il nuovo ponte, scavalcando l’antica Torre Boacciana da sempre ben visibile e segnacolo della millenaria importanza di questo sito“.

L’assenza di parere da parte della Commissione di Riserva del Litorale rischia di far saltare l’intera progettazione. Dall’ente di tutela ambientale non arrivano commenti sulla vicenda: il nuovo presidente, Oreste Rutigliano, ha incaricato gli uffici di fare luce sull’iter autorizzativo.