Seguici su

Cerca nel sito

Al via a febbraio i corsi di formazione per i volontari della Lega del Filo d‘Oro

Rossano Bartoli: "Ogni volontario è indispensabile, perché aiuta la persona sordocieca a sentirsi più partecipe della propria vita"

Partono a febbraio i corsi di formazione per i volontari della Lega del Filo d‘Oro, una vera e propria esperienza formativa che permetterà di migliorare la qualità della vita delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Per informazioni e iscrizioni nelle sedi di Lesmo, Padova, Modena, Osimo, Roma e Molfetta si può consultare il sito www.legadelfilodoro.it

Come ogni anno la Lega del Filo d’Oro dedica i mesi di febbraio e marzo ai corsi di formazione dei nuovi volontari, una risorsa fondamentale per permettere a bambini e adulti sordociechi di vivere relazioni spontanee contribuendo ad arricchire il “loro mondo”. Presso le sedi di Lesmo, Padova, Modena, Osimo, Roma e Molfetta, sarà possibile partecipare ai corsi gratuiti articolati in una serie di lezioni teoriche, tenute da professionisti dell’Associazione, e ad attività pratiche con gli utenti della “Lega”, in cui si affiancheranno volontari già esperti e operatori.

I volontari rappresentano una componente fondante della Lega del Filo d’Oro: affermano i valori della solidarietà, della gratuità e della partecipazione e, con la loro preziosa disponibilità, favoriscono il coinvolgimento attivo delle persone sordocieche in qualunque contesto, svolgendo il ruolo di guida, di intermediario con il mondo esterno e di punto di accesso alle informazioni.

Si tratta, insomma, di un patrimonio di competenze assolutamente eterogeneo e complementare, messo gratuitamente al servizio dell’Associazione e dei suoi utenti, ad esempio durante le varie attività ricreative o ai soggiorni estivi, un’attività storica della “Lega”, che negli anni si è evoluta rimanendo sempre centrale.

“I volontari sono parte integrante del modello operativo della Lega del Filo d’Oro sin dalla sua costituzione, a supporto e completamento delle attività dei Centri Residenziali e dei Servizi Territoriali – dichiara Rossano Bartoli, Presidente della Lega del Filo d’Oro – Ogni volontario è prezioso e indispensabile, perché aiuta la persona sordocieca a sentirsi più partecipe della propria vita, permettendole di vivere nuove relazioni. Quanti decideranno di diventare volontari per la nostra Associazione non vivranno solo un percorso formativo, ma una vera e propria esperienza di vita”.

Oltre che al volontariato diretto, il cui servizio è prestato a stretto contatto con la persona sordocieca e pluriminorata psicosensoriale, alla Lega del Filo d’Oro si dà ampio spazio al volontariato indiretto attraverso eventi promozionali, di raccolta fondi, di sensibilizzazione e informazione.

I CORSI DI FORMAZIONE

Oltre a fornire informazioni sull’Associazione i corsi si incentrano prevalentemente sul trasmettere le conoscenze necessarie a rispondere i bisogni delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e a relazionarsi con loro. Durante i corsi i volontari apprenderanno i vari sistemi di comunicazione e come supportarle nell’orientamento e nella mobilità. Un percorso determinante non solo per chi farà volontariato diretto e andrà ad occuparsi degli utenti, ma anche per chi si farà portavoce della Lega del Filo d’Oro partecipando attraverso il volontariato indiretto alle attività di promozione e raccolta fondi, ai trasporti e ad altre attività complementari. Ai volontari è richiesta la disponibilità a svolgere un servizio con cadenza settimanale o quindicinale: la costanza è fondamentale soprattutto nel volontariato diretto, in quanto le persone assistite credono molto nella relazione con il volontario.

Per maggiori informazioni sui corsi e le modalità di iscrizione si può visitare il sito www.legadelfilodoro.it, chiamare le Attività Associative e Volontariato presso la sede Nazionale di Osimo (AN), dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 17.00, ai numeri 071 72451 o inviare una mail a aav@legadelfilodoro.it.

LEGA DEL FILO D’ORO

Oggi la Lega del Filo d’Oro è presente in otto regioni e segue ogni anno oltre 900 utenti provenienti da tutta Italia svolgendo le sue attività di assistenza, educazione e riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali nei Centri e Servizi Territoriali di Osimo (AN), Sede principale dell’Ente, Lesmo (MB), Modena, Molfetta (BA) e Termini Imerese (PA) e nelle Sedi territoriali di Padova, Roma e Napoli. Per maggiori informazioni visita: http://www.legadelfilodoro.it/

(Il Faro online)