Seguici su

Cerca nel sito

Santa Marinella, “ok” della Giunta al progetto di recupero del campo sportivo

Il sindaco Tidei: "Si apre un percorso importantissimo per Santa Marinella"

Santa Marinella – Approvato ieri dalla Giunta comunale, il progetto per l’ammodernamento e ripristino del campo sportivo che vanterà un manto in erba sintetica di ultima generazione.

L’opera verrà realizzata con i fondi derivanti da mutui residui che l’Organismo straordinario di Liquidazione ha sbloccato da alcuni giorni. L’atto di Giunta riserva quindi una nuova vita per l’impiantistica sportiva cittadina, ereditata dall’Amministrazione Tidei in uno stato disastroso con situazioni diffuse di inagibilità che hanno costretto gran parte dei cittadini a praticare presso altri comuni.

La rinnovata agibilità del Palazzetto dello sport è stato uno dei primi grandi risultati portati a casa dalla squadra, che ha restituito alla città il “Vulnus” dello sport cittadino oggi teatro di importantissime competizioni sportive, manifestazioni culturali e musicali di livello.

“Si apre un percorso importantissimo per Santa Marinella – dice il sindaco Tidei -. Il ripristino del Campo e lo spostamento nell’area adiacente della Piscina comunale costituiranno il primo passo per la realizzazione di un polo sportivo unico per attività polivalenti, che sarà di fatto un luogo di forte inclusione e coesione sociale.

Operazione fondamentale – prosegue Tidei – in una città priva di una pizza, di un Municipio unico e di luoghi di incontro e socializzazione creare un polo dove si riuniscono famiglie, dove si può praticare sport ma anche assistere a spettacoli di intrattenimento. Questo è il nostro obiettivo e sicuramente riusciremo.

Infine, sull’immobile dove oggi insiste la piscina comunale chiusa perché inagibile, voglio chiarire a FdI che sarà oggetto di project financing.

Il Comune, senza spendere un euro – conclude Tidei – si ritroverà con una palestra dotata di bar o piccolo ristorante oppure un anfiteatro. L’idea è comunque quella di valorizzare quel sito oggi inagibile e di nessuna utilità pubblica”.

(Il Faro online)