Seguici su

Cerca nel sito

Lettere al direttore

Buche ad Ardea, la rabbia dei residenti: “Ogni giorno rischiamo la vita”

La lettera di un cittadino di Ardea che chiede di essere ascoltato

Ardea – “Con molto piacere è stato constato che è stata rifatta la pavimentazione di un tratto di via Solfarata. Ma non basta”. Questo l’esordio di una lettera arrivata a Il Faro Online da parte di un cittadino di Ardea, stanco della situazione in cui versano le strade del Comune.

“Vi scrivo per segnalarvi nuovamente, dell’indegno e pericoloso stato della pavimentazione stradale di: Via Ardeatina – da via Falcognana, fino a Santa Palomba – soprattutto gli ultimi 200-300 metri sono pericolosissime prima della rotatoria di Santa Palomba – dove per evitare le numerose e profonde buche si rischia di prendere mezzi (anche pesanti) che vengono dalla direzione opposta; Via Solfarata (Sp101a) tra via Ardeatina e via Laurentina, soprattutto dal Km 11.400 (bivio via delle Monachelle) fino al Km 12.500 (rotatoria Via Laurentina); Via Laurentina del tratto che va dall’incrocio di via Pontina Vecchia, fino ad Ardea e da questa fino a Tor San Lorenzo; Via di Valle Caia, praticamente tutta.

La pavimentazione di queste strade è in uno stato pietoso, indegno di un paese civile. Ogni giorno migliaia di lavoratori percorrono queste vie per raggiungere Roma, dai Castelli Romani e dal lirotale, il polo industriale di Pomezia, rischiando di distruggere oltre alle loro automobili anche la loro vita.

Innumerevoli sono gli automobilisti che quotidianamente forano pneumatici e/o rompono i cerchi delle ruote per la presenza di voragini pericolosissime in queste tratte di strada. Le vie in questione sono transitate quotidianamente da molti mezzi pesanti e Tir che di fatto hanno nel corso degli anni contribuito a distruggere il manto stradale.

Si è anche sperimentato un tratto (1km) di cui 250 metri!!! di via Ardeatina con un tipo di nuovo asfalto al grafene, ricordo bene quel giorno, c’era anche la Sindaca di Roma e Metropolitano Virginia Raggi, ma poi tutto si è fermato lì. Via Ardeatina, via Solfarata e via Laurentina, sono in uno stato vergognoso. Ogni giorno si rischia la vita.

Non si riesce a capire, abbiamo criticato per anni gli indegni comportamenti ed ora ci comportiamo come gli altri.
Ci sono dipendenti di Città Metropolitana Roma Capitale che controllano, che verificano di persona l’indecenza di queste strade?

Lo sappiamo benissimo che “non ci sono i soldi”, che “quelli di prima si sono mangiati tutto” ecc. ma qui si sta esagerando. Non ci sono più scuse. La manutenzione è praticamente assente, non si ricoprono nemmeno più le profonde buche. I cittadini che percorrono quelle strade per andare a lavorare, con il pagamento dei tributi hanno il sacrosanto diritto ad avere in cambio servizi idonei, strade nuove e sicure.

Chiedere di percorre strade in sicurezza è il minimo, ed una città, una metropoli come Roma, che si proclama capitale civile, deve fare del tutto per tutelare in primis la salute dei suoi concittadini”.

Mirko Rossi