Seguici su

Cerca nel sito

Olimpiadi, qualifica numero 183. La spada azzurra a Tokyo 2020

Entrambe la Nazionali alle Olimpiadi. Uomini e donne. Mara Navarria e Davide Di Veroli strappano il pass

Roma – La scherma azzurra qualifica altre due squadre per Tokyo 2020. Anche le Nazionale di spada, dopo quelle di fioretto, hanno ottenuto la qualificazione olimpica nel corso delle tappe di Coppa del Mondo disputate a Vancouver e a Barcellona.

Il quartetto composto da Mara Navarria, Federica Isola, Alice Clerici ed Alberta Santuccio, è stata fermata agli ottavi di finale da Hong Kong col punteggio di 35-34 ma ha ottenuto la certezza del biglietto per la XXXII edizione dei Giochi Estivi. Non è del quartetto Rossella Fiamingo che aveva evitato di affrontare la gara individuale per i postumi di un infortunio patito nel corso del Grand Prix FIE di Doha.

La Nazionale maschile di spada

A Vancouver il quartetto italiano composto da Andrea Santarelli, Enrico Garozzo, Davide Di Veroli e Gabriele Cimini, dopo aver esordito con il successo sulla Danimarca per 45-32, ha avuto ragione dell’Ucraina con il punteggio di 38-35. In semifinale, poi, è arrivata la vittoria, col netto punteggio di 45-39, contro la quotata Francia. La sconfitta in finale contro la Corea del Sud (39-24) non ha compromesso la qualificazione a Cinque Cerchi, centrata grazie ai punti già messi in cassaforte.

Gli azzurri qualificati per Tokyo 2020 salgono a 183 (92 uomini, 91 donne) in 23 discipline differenti con 12 pass individuali. Ecco il dettaglio:

– Vela (9 carte olimpiche per 6 equipaggi: 470 d, 470 u, Laser Radial d, Nacra 17 u/d, RS:X d, RS:X u);

– Tiro a volo (6 carte olimpiche: Trap 2 d, Skeet 2 u, Skeet 2 d);

– Ginnastica ritmica (7 carte olimpiche d di cui 2 individuali);

– Tiro a Segno (4 carte olimpiche: 2 Carabina 3p u, Carabina 10 m u, 1 Pistola 25 m. U)

– Tiro con l’Arco (2 carte olimpiche: 1 u e 1 d)

– Nuoto di fondo (3 pass individuali: Gregorio Paltrinieri, Mario Sanzullo e Rachele Bruni 10 km)

– Tuffi (1 carta olimpica piattaforma d)

– Nuoto (4 pass individuali e 16 carte olimpiche: Simona Quadarella – 1500 sl – Nicolò Martinenghi – 100 rana, Margherita Panziera – 200 dorso -, Gregorio Paltrinieri – 1500 sl -, 4×100 sl u, 4×100 Mixed Medley 2 u e 2 d, 4×200 sl u, 4×100 mista d)

– Pallanuoto (carta olimpica per la squadra maschile, 11 unità)

– Softball (carta olimpica, 15 unità)

– Pallavolo (carte olimpiche per la squadra femminile e la squadra maschile -12 d, 12 u)

– Arrampicata Sportiva (2 pass individuali: Ludovico Fossali, Laura Rogora)

– Canoa (3 carte olimpiche nella Velocità: K1 200 u, K2 1000 u – 3 carte olimpiche nello Slalom: C1 d, K1 M e d)

– Canottaggio (23 carte olimpiche: Due senza d, Doppio PL u, Quattro senza u, Quattro di coppia u, Due senza u, Doppio PL d, Quattro di Coppia d, Doppio d, Singolo u)

– Sport Equestri (Carta olimpica per la squadra di Completo: 2 u e 2 d, riserva compresa, carta olimpica nel salto ostacoli u)

– Pentathlon Moderno (pass per Elena Micheli)

– Lotta (1 carta olimpica: stile libero 74 kg)

– Beach Volley (una coppia M)

– Ciclismo su strada (9 carte olimpiche: 5 U e 4 d)

– Atletica (10 carte olimpiche – Staffetta 4×100 d, Staffetta 4×400 u)

– Ginnastica Artistica (4 carte olimpiche d e 2 pass individuali Ludovico Edalli – concorso generale – e Marco Lodadio – anelli)

– Taekwondo ( una carta olimpica, -58 kg U)

– Scherma (8 carte olimpiche u e 8 carte olimpiche d – fioretto maschile, fioretto femminile e spada maschile e femminile a squadre, riserve comprese)

(Il Faro on line)(fonte@coni.it)

(foto@AugustoBizzi)