Seguici su

Cerca nel sito

Di nuovo scintille nella maggioranza di Formia: al centro della discussione il piano regolatore portuale

Il gruppo "Ripartiamo con voi" ha chiesto un temporaneo differimento per l’approvazione delle linee guida del Piano Regolatore Portuale per un più approfondito esame.

Formia – Dopo la “crisi” di Capodanno (leggi qui), nella maggioranza di Formia si registrano nuove “scintille.” Stavolta, al centro della discussione ci è finito il piano regolatore portuale su cui, nonostante gli sforzi dell’assessore all’urbanistica Paolo Mazza, il gruppo “Ripartiamo con voi” ha avuto da ridire.

L’inizio della vicenda

Tutto sembrava procedere per il meglio. L’assessore Mazza pareva essere riuscito a portare avanti un dialogo costruttivo anche con le forze di minoranza in seno al Consiglio. Quasi si poteva sperare, da quando è iniziata l’era di Paola Villa, in un primo voto all’unanimità. Quasi quasi il nuovo piano regolatore portuale di Formia poteva compiere questo miracolo…

Eppure, quando durante la conferenza dei capigruppo il punto era stato calendarizzato per il prossimo consiglio, il gruppo “Ripartiamo con voi” ha voluto infrangere questo clima di pace momentanea, richiedendo il “temporaneo differimento per l’approvazione delle linee guida del Piano Regolatore Portuale per un più approfondito esame circa gli effetti dello stesso riguardante lo sviluppo complessivo dell’intera area portuale, sia per quanto riguarda il segmento commerciale oltre a quello della nautica da diporto. È noto che il nostro porto è già abbastanza congestionato per le diverse e notevoli attività che in esso vi si svolgono: traffico passeggeri, pesca, diportistica e militare. Sembra che il nuovo piano preveda non solo un ampliamento per ulteriori 350 posti barca ma eventualmente anche attività crocieristiche. Risulta altresì che sono già in essere iniziative per la realizzazione di un porto turistico con annessi servizi. Ed è proprio in questa prospettiva che è richiesto una valutazione più particolareggiata sia per l’armonizzazione del pubblico, che per la valutazione dello sviluppo economico del privato, nonché per l’entità e la natura dei servizi complementari di indispensabile in termini di parcheggio auto, viabilità, rifornimento carburanti, ed altro”.

E ancora: “In definitiva il gruppo “Ripartiamo con Voi” ritiene che le decisioni da assumere siano ben ponderate e confortate da valutazioni per una favorevole e qualificata ricaduta economica e di conseguenza la creazione di posti di lavoro sul nostro territorio”.

Alla fine, il punto è stato ritirato dall’agenda del prossimo consiglio comunale. Certo, per ragioni anche tecniche: la delibera di accompagnamento al Piano portuale di Formia ancora non c’è e mancano le norme tecniche d’attuazione. Ma le frizioni interne alla maggioranza non sembrano ancora finite

La replica dell’assessore Mazza

“Dal proficuo dibattito scaturito dall’incontro pubblico PRG Portuale della Città di Formia del 13 febbraio (leggi qui), e dal confronto costruttivo avuto in conferenza dei Capigruppo il giorno successivo, sono emersi importanti contributi ampiamente condivisibili, nonché suggerimenti e richieste, che stanno pervenendo anche in forma scritta e propositiva, che meritano la giusta e dovuta attenzione affinché possano essere valutati e inseriti nella proposta di delibera contenente le linee di indirizzo; altresì importante è consentire il giusto spazio, per il completamento dell’esame e dibattito sugli atti nell’ambito della Commissione Urbanistica competente (oltre le due sedute già svolte), che si rileverebbe eccessivamente ridotto per portare la sua approvazione nel prossimo Consiglio Comunale previsto il 20 febbraio.

A maggior ragione – prosegue l’assessore all’Urbanistica -se un ulteriore spazio di confronto e di esame degli atti deliberativi, possa essere utile a consentire alla massima assise civica di esprimere un parere favorevole e all’unanimità su linee di indirizzo importanti come il Piano Regolatore Portuale, con ricadute rilevanti per la città di Formia; obiettivo questo alla portata di mano grazie allo spirito assolutamente propositivo rilevato da tutti i gruppi consiliari di minoranza.

In questo senso, pertanto, come Assessore proponente, di comune accordo con il Sindaco e la Presidenza del Consiglio Comunale e la Presidenza della Commissione competente, si ritiene di potere e dover fornire il giusto spazio di esame e discussione finale, proprio per raggiungere un obiettivo condiviso con il più largo consenso e quindi poter procedere all’approvazione delle linee di indirizzo per il Porto nel prossimo Consiglio Comunale utile dopo il 20 febbraio.

A margine di tale corretta scelta interviene altresì un comunicato da parte del gruppo di maggioranza “Ripartiamo con voi” con delle richieste, le cui risposte sono già contenute nella proposta presentata, confermate tra l’altro nell’incontro pubblico dai numerosi operatori del settore partecipanti, e recependo altresì le loro proposte ritenute ampiamente condivisibili; proposta di piano ben nota d’altra parte allo stesso gruppo in ogni suo aspetto ed in tutto il suo percorso, in quanto il Presidente della Commissione competente, che appartiene al gruppo di maggioranza “Ripartiamo con voi”, ne è stato parte attiva avendo lo stesso proposto e portato in discussione il piano già nelle due commissioni svolte, anzi sollecitandone egli stesso il percorso nella piena e giusta condivisione.

Lo scrivente assessorato  – prosegue la nota – ovviamente è a completa disposizione di tutti i gruppi consiliari di maggioranza e di minoranza, nonché delle Associazioni di categoria, nello spirito da sempre perseguito dall’inizio di mandato del Sindaco Paola Villa, quando sostenne che gli assessori dovranno essere gli assessori della Città e non della sola maggioranza, sottolineando che il punto cardinale è e dovrà sempre essere il bene della città.

Ben vengano tutti gli sforzi per conseguire il più ampio consenso e la più ampia condivisione per portare a termine la definizione delle linee di indirizzo di un atto importante pianificatorio, quale quello del Porto di Formia, per le sue auspicate ricadute positive in termini di economia e riqualificazione del territorio.

La grande partecipazione all’incontro del 13 febbraio e la qualità degli interventi e dei contributi che ne sono derivati- conclude la nota-, devono far comprendere come Formia abbia tutte le possibilità per riprendere a pensare in grande, a pensare a prospettive di un territorio che si apra all’arcipelago delle isole pontine e campane e porla nelle condizioni di sciogliersi da briglie che l’hanno bloccata da piccoli veti incrociati e poter riprendere a sognare e veder soprattutto realizzati i suoi sogni.”

La replica di “Formia città in Comune”

Non solo. Dopo la replica dell’assessore Mazza, sulla nota di “Ripartiamo con voi” è intervenuto anche “Formia città in Comune”, altro gruppo di maggioranza, che ha fatto sapere: “Sorprende la nota della lista di maggioranza “Ripartiamo con Voi.” In realtà, la vicenda piano regolatore portuale è stato oggetto di diverse riunioni di maggioranza, della conferenza capigruppo e, soprattutto, di due commissioni urbanistiche, oltreché di un incontro pubblico. Tutte le censure che la lista Ripartiamo con Voi sembra proporre non sono state assolutamente oggetto, finora, di proposta da parte dei consiglieri e degli assessori ascrivibili alla stessa lista.

Quindi, solo dopo che il percorso amministrativo e politico sembra essere concluso o quasi, vengono mosse a mezzo stampa censure apparentemente strumentali. Infatti – prosegue la nota-, alcune proposte sono state già ampiamente recepite per tempo (bunkeraggio e pontili dedicati ai charter). Sembra quasi di assistere ad un compagno di viaggio distratto che non si renda conto che già alla fermata precedente del percorso sia stato stabilito tutto ciò.

Inoltre, la presenza di un progetto in conferenza di servizi relativo ad un porto turistico da fare nelle vicinanze del porto non è assolutamente incompatibile con quanto viene previsto dal redigendo piano regolatore. Anzi, tale piano regolatore potrà presentare assolutamente un volano anche per l’altro progetto. Vieppiù che i soggetti direttamente interessati all’altro progetto di porto turistico sono stati presenti al citato incontro pubblico, intervenendo ed esprimendosi favorevolmente. Giova sottolineare, infine, che il Presidente della commissione urbanistica, l’avvocato Lino Martellucci, competente per materia sul piano regolatore portuale e che ha già convocato ben due commissioni, appartiene proprio alla lista che si duole del progetto in corso.

Di certo – prosegue la nota – noi non ci prestiamo in alcun modo ad ascoltare alcune voci, secondo le quali i timori di Ripartiamo con Voi stiano tutti in quelli di Comuni vicini circa le potenzialità di questo progetto –  non ultimo l’ampliamento dell’approdo per le Crociere – potenzialità che, lo capiscono tutti, renderebbero la nostra Città centrale nel Golfo. Noi amministriamo Formia e non altri comuni e su questo siamo certi di poter garantire lo stesso per il gruppo Ripartiamo con Voi.

Ovviamente – conclude la nota -, ciò non significa che approfondire ulteriormente non possa essere un aspetto positivo al fine di addivenire ad un progetto sempre più condiviso e completo con la città.
Così come per meglio comprendere la nota tecnica recentemente fornita agli uffici possa essere opportuno riunire di nuovo le commissioni.”

(Il Faro on line)