Seguici su

Cerca nel sito

Dragoncello, bonifica sommaria: rifiuti gettati nel Tevere

Nel corso di un sopralluogo condotto per la Riserva del Litorale romano affiorano dall'acqua i resti di una frettolosa bonifica di una baraccopoli

Dragoncello – Hanno bonificato un’insediamento abusivo gettando i rifiuti nel Tevere. E ora è riaffiorato tutto.

Scoperta una nuova discarica sull’argine del Tevere a Dragoncello. La segnalazione arriva da Matteo Signori, membro della commissione della Riserva Statale del Litorale Romano e Presidente di Pro Natura Litorale Romano, che denuncia questa inciviltà attraverso il suo profilo social, pubblicando una foto scattata ieri durante un sopralluogo per la Riserva, effettuato nel tentativo di fare una mappatura dei punti di interesse del corso del fiume.

Purtroppo – dichiara Signori – quello ho trovato è il risultato di anni di baraccopoli, e di una bonifica ambientale sommaria, del tutto insufficiente. Accanto al carrello, c’è addirittura una motocicletta, cavi di rame, guaine di plastica, e tanta altra immondizia. Una vera e propria bomba ecologica, rimasta lì dalla bonifica molto superficiale avvenuta due anni fa, a seguito dello sgombero di alcune baraccopoli”.

La discarica, che probabilmente è molto più ampia se si scava in profondità – aggiunge – si trova in una zona protetta della Riserva, di altissimo valore storico e paesaggistico! “. “Qui – interviene l’archeologo Michele Matteiè per altro presente un edificio romano del I secolo a.C. scoperto nei primi anni ’80 da Angelo Pellegrino, all’epoca del ritrovamento delle tante Ville romane nella zona di Dragoncello“.

E’ quindi veramente urgente – conclude Signori – effettuare una nuova bonifica ambientale, principalmente per la salute del luogo e se si vuole operare in un’ottica di sviluppo del turismo sul Tevere”.