Seguici su

Cerca nel sito

Dissequestrata l’ex Avir, ora è di nuovo nelle mani del Comune di Gaeta

Accolta l'istanza presentata dal Comune di Gaeta. Per il giudice non vi era più ragione di mantenere il sequestro preventivo.

Gaeta – “Ci sono giornate che lasciano il segno”. Sono queste le parole con cui il sindaco Cosmo Mitrano ha dato l’annuncio: l’ex vetreria Avir è stata dissequestrata ed è, quindi, tornata nelle mani del suo legittimo proprietario: il Comune di Gaeta.

Nei giorni scorsi, infatti, il Tribunale di Latina ha accolto l’istanza, presentata dal Comune di Gaeta tramite il proprio legale, depositata il 24 ottobre 2019 in merito al dissequestro dell’area ex Avir e alla relativa restituzione dell’immbile al Municipio.

Secondo il giudice, infatti, non vi è più ragione di mantenere il sequestro preventivo, effettuato il 16 settembre 2019, in quanto sono venute meno le ragioni della cautela. Quindi, l’area dell’ex opificio dismesso da circa 40 anni è stata definitivamente restituita al Comune.

Un momento “storico” per la nostra città – ha fatto sapere il sindaco Mitrano -. Abbiamo atteso con serenità e fiducia confidando nell’operato della giustizia, nel silenzio e nel rispetto delle parti. Possiamo finalmente tirare un sospiro di sollievo al termine di una vicenda che ha visto l’alternarsi di forti emozioni.”

Il 6 settembre 2019, lo ricordiamo era stato votato all’unanimità in consiglio comunale il progetto preliminare di recupero, sistemazione e valorizzazione dell’area ex Avir, “Polo Culturale Maestri Vetrai” ed adozione di variante urbanistica (leggi qui).

Poi, soltanto qualche giorno più tardi, intervenne il sequestro (leggi qui), che, come sottolineato dallo stesso Primo cittadino non ha però affievolito la speranza e fiducia di acquisire al patrimonio comunale l’area della dismessa vetreria.

L’ho definito – prosegue il Sindaco – un percorso lungo, articolato, complesso, con mille ostacoli e iniziato già durante il mio primo mandato, ma questo non ci ha fermati perché consapevoli e convinti che non potevano esserci percorsi alternativi per restituire alla città l’area dell’ex Avir, che è stata per troppo tempo un “cratere spento” nel cuore della nostra meravigliosa Gaeta.”

Occorre però sempre essere cauti. Per questo motivo, il sindaco Mitrano ha riunito con urgenza la sua giunta, al fine di stabilire quale sia il prossimo passo da compiere per procedere con il progetto di recupero che, lo ricordiamo, al momento prevede la creazione di un ostello, una struttura per i convegni e la creazione di un’area ludico- ricreativa capace di attrarre sempre più turisti, anche in “bassa” stagione.

“Intendo – conclude Mitrano – rivolgere un pensiero a tutti i miei concittadini, a coloro che ci sono stati vicini in questo percorso burrascoso, che ci hanno sempre sostenuto ed hanno creduto nel nostro progetto di recupero e riqualificazione dell’area.”

(Il Faro on line)