Seguici su

Cerca nel sito

Soddisfazione di Federbalneari Lazio per l’approvazione del Collegato alla Legge di Stabilità della Regione Lazio

Maurelli: "Destagionalizzazione e rigenerazione urbana capisaldi dello sviluppo turistico integrato del Litorale. A questo punto manca solo il Pua regionale"

Regione Lazio – “Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione per l’approvazione del Collegato alla Legge di stabilità della Regione Lazio – dichiara Marco Maurelli, coordinatore Federbalneari Lazio – Il provvedimento è, infatti, molto importante: adesso la Legge regionale sul Turismo è finalmente completa e permette di puntare allo sviluppo di un nuovo modello di impresa turistica costiera perché recepisce quanto già previsto dal Piano territoriale paesistico regionale, approvato ad agosto e pubblicato la scorsa settimana, completando e rendendo possibili i temi della destagionalizzazione e rigenerazione urbana”.

L’approvazione del Collegato accoglie il lavoro prodotto da Federbalneari Lazio in questi anni, che ha avuto come obiettivo proprio il rilancio dello sviluppo turistico ed economico del litorale laziale attraverso la destagionalizzazione, grazie a cui le imprese balneari avranno la possibilità di rimanere aperte durante l’inverno e investire nel miglioramento delle spiagge e dei servizi offerti, con un conseguente beneficio per tutta l’economia del litorale e un nuovo modello di rigenerazione urbana dei volumi non utilizzati, che consentirà la conversione dei volumi attualmente inutilizzati in altra tipologia di strutture con la possibilità di garantire un’offerta turistica più moderna senza per questo dover impattare sull’ambiente con nuove costruzioni.

Un plauso, quindi, a tutto a tutto il Consiglio Regionale, maggioranza e opposizione, per questo importante risultato.

“A questo punto manca solo il tassello del PUA regionale – Piano di utilizzazione degli arenili, la cui approvazione consentirebbe di passare, finalmente, ad una fase progettuale concreta per lo sviluppo e la valorizzazione di tutto il nostro litorale che, in vista della prossima stagione balneare, merita di avere un programma di rilancio più attento alla valorizzazione e riqualificazione ambientale” – conclude Maurelli.

(Il Faro online)