Seguici su

Cerca nel sito

Assoluti Italiani, Filippo Tortu campione nei 60 metri: “Mi sono divertito. L’importante era vincere”

6.60 sul lanciato del traguardo al chiuso nell’impianto di Ancona. Il primatista italiano dei 100 metri sfiora il personale di due centesimi

Ancona – Filippo Tortu (Fiamme Gialle) torna a indossare la maglia tricolore a quattro anni dagli Assoluti di Rieti 2016 all’aperto (nei 100): “Pippo” onora gli Assoluti con un 6.60 sul rettilineo di Ancona dopo aver corso 6.71 in semifinale e 6.73 nella batteria della mattinata.

Alla sua sinistra, nel round conclusivo, scatta deciso Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946) che scappa via nei primi appoggi, ma il ventunenne brianzolo primatista italiano dei 100 metri viaggia forte sul lanciato e manca il primato personale (6.58) di soli due centesimi.

Sul podio gli fa compagnia Ferraro (6.66) e l’altro “Riccardi” Wanderson Polanco (6.77). “Mi sono divertito, non gareggiavo dai Mondiali di Doha e avevo voglia di tornare – le parole di Tortu – l’importante era vincere, ma erano preziose anche le sensazioni, che durante la gara mi sono piaciute. Max Ferraro mi ha dato filo da torcere, ce la siamo giocata fino all’ultimo metro: conoscendolo bene sapevo che mi sarebbe partito avanti, e quindi mi sono concentrato sulla seconda parte. Mi sono sentito bene soprattutto negli ultimi trenta metri. Ora mi aspetta una settimana di vacanza, poi allenamenti e ci rivediamo a maggio sui 100 metri”.

(Il Faro on line)(fonte@Fidal)

(foto@Colombo/Fidal)