Seguici su

Cerca nel sito

Coronavirus, Pascucci: “A Cerveteri nessuna restrizione”

Il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci rassicura la popolazione

Cerveteri – “Stante la situazione di emergenza sanitaria nazionale dovuta ai contagi da COVID-19 nel Nord Italia, siamo qui per fornire tutte le informazioni necessarie.

Nella città di Cerveteri non ci sono casi di persone affette dal Virus o che siano provenienti dalle zone oggetto dei focolai. Non sono pertanto vigenti restrizioni o limitazioni di nessun tipo”.

E’ quanto si legge in un comunicato a firma del sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, che aggiugne: “Uffici pubblici e scuole sono regolarmente aperte. Unica eccezione: l’Istituto Comprensivo Giovanni Cena che già aveva preventivato all’interno del calendario scolastico 2019/2020 una settimana di chiusura. Le uscite didattiche e i viaggi di istruzione in Italia e all’estero, così come previsto dal Consiglio dei Ministri di sabato 22 febbraio, sono sospese per motivi precauzionali.

Le uniche prescrizioni vigenti sono quelle già note a livello nazionale diramate dal Ministero della Salute. Per qualsiasi informazione, oltre all’Azienda Sanitaria Locale, si può contattare la Protezione Civile di Cerveteri coordinata dal Funzionario Renato Bisegni, che risponde al numero: 0687165164. Vi preghiamo di non intasare le linee e di chiamare soltanto per emergenze.

Le dieci regole pubblicate dal Ministero della Salute sono: lavarsi spesso le mani con il sapone utilizzando acqua calda, evitare contatti ravvicinati con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute, non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani, coprirsi bocca e naso in caso di tosse o starnuti, non prendere farmaci antivirali né antibiotici a meno che non siano prescritti dal medico, pulire con disinfettanti a base di cloro e alcol le superfici, usare la mascherina solo ed esclusivamente se si sospetta di essere malati o se si sta a contatto con persone con il virus e contattare il numero 1500 se si hanno febbre o tosse oppure se si è tornati dalla Cina da meno di 14 giorni.

Si sottolinea inoltre che i prodotti Made in China o pacchi ricevuti dalla Cina non sono fonte di contagio e che gli animali da compagnia non diffondono il nuovo Coronavirus. Qualsiasi ulteriore aggiornamento verrà fornito prontamente. Sul sito www.comune.cerveteri.rm.it sarà pubblicata a breve una scheda informativa con indicazioni precise e dettagliate”.

(Il Faro online)