Seguici su

Cerca nel sito

Il Carnevale di Santa Marinella, grandi e piccini sfilano mascherati per il rispetto dell’ambiente foto

Oltre 1500 persone tra bambini, insegnanti e genitori, hanno affollato e colorato con splendide maschere il Parco Saffi per la festa di carnevale

Santa Marinella – Oltre 1500 persone tra bambini, insegnanti e genitori, hanno affollato e colorato con splendide maschere il Parco Saffi per la festa di carnevale organizzata dall’Istituto Comprensivo “Piazzale della Gioventù”. “Essenza Acqua, a carnevale ogni goccia vale”  il tema della festa.

I ragazzi dell’istituto hanno voluto dedicare questa giornata alla sensibilizzazione per il rispetto dell’ambiente ma soprattutto all’essenza dell’acqua , un bene prezioso, fonte di vita di cui spesso si sottovaluta l’importanza.

Il sindaco di Santa Marinella, Pietro Tidei, afferma: “Sono sinceramente commosso nel vedere così tanta gente festeggiare allegramente insieme, specialmente in questo momento in cui la psicosi da coronavirus dilaga in maniera ingiustificata. A tal proposito voglio rassicurare i miei concittadini che l’Amministrazione Comunale, di concerto con l’autorità sanitaria, sta applicando tutte le misure preventive necessarie e monitoraggi costanti”.

“L’invito è dunque quello di mantenere la calma, su tutto il territorio di Santa Marinella e Santa Severa non vi sono alcune restrizioni. Devo sinceramente ringraziare la Preside Ceccarelli, L’assessore alla P.i. Nardangeli, ma soprattutto insegnanti, genitori ed i nostri ragazzi che hanno contribuito alla riuscita di questa manifestazione al Parco Saffi”.

“Oltre 1500 persone – prosegue Tidei – una cosa che non si vedeva ormai da anni, a testimonianza che esiste una comunità viva, partecipe e senza paura. L’essenza dell’acqua è il tema che i ragazzi hanno voluto attribuire alla festa e su questo rivolgo un plauso agli studenti ed una mia personale riflessione: l’acqua è un bene di valore inestimabile, la possibilità di disporne con facilità nelle nostre abitazioni ci induce a non considerarne l’importanza”.

“Noi italiani, ad esempio, secondo alcune stime siamo tra i maggiori consumatori di acqua al mondo, secondi solo agli australiani. Ovviamente nel mondo ci sono situazioni diverse e drammatiche come in Africa, dove il 40% degli abitanti non può accedere all’acqua potabile. L’aumento della temperatura globale, inoltre, a detta degli scienziati, può determinare anche fenomeni di siccità e per questo il tema scelto dai ragazzi risulta essere di grande attualità ed interesse“.

“La scuola – conclude Tidei – riveste un ruolo fondamentale nell’informazione e sensibilizzazione degli studenti al rispetto per l’ambiente. Alle istituzioni è riservato il duro compito di costruire ed attuare adeguate politiche ambientali”.

(Il Faro online)