Seguici su

Cerca nel sito

Coronavirus, la Lega: “Istituire nel X Municipio un nucleo di crisi”

A proporlo, la capogruppo della Lega X Municipio, Monica Picca, insieme al consigliere della Lega X Municipio Luca Mantuano.

Ostia – Istituire un nucleo di crisi nel X Municipio collegato con l’Unità centrale di crisi di Roma, insieme ad un numero di ascolto attivo h24 per l’assistenza ai cittadini. A proporlo, la capogruppo della Lega X Municipio, Monica Picca, insieme al consigliere della Lega X Municipio Luca Mantuano.

proposta lega coronavirus“Questa mattina la Lega ha presentato un ordine del giorno, teso a prevenire i disagi, qualora si verificassero altri casi di CORONAVIRUS (COVID-19) nel X Municipio. Chiaramente – precisa Monica Picca – auspichiamo che ciò non avvenga, ma non possiamo farci trovare impreparati. Per questo sollecitiamo l’Amministrazione a prendere quei provvedimenti che tutelerebbero la cittadinanza da un eventuale isolamento.”

A tal proposito è stato proposto un nucleo di crisi nel X Municipio collegato con l’Unità centrale di crisi di Roma, e l’attivazione di un numero di ascolto attivo h24, per gestire le richieste di assistenza nell’eventualità di un aumento dei casi di contagio, con conseguenti ripercussioni sul territorio: chiusura delle scuole, attività produttive ridotte, trasporti rallentati o aboliti, uffici chiusi e il pericolo di isolamento per le persone più fragili, anziani e disabili.

“Riteniamo inoltre importante: istituire una Commissione del Municipio che garantisca l’aggiornamento, la verifica e il controllo sul territorio dell’attività ospedaliera, dei medici di base e del 112, e garantire che gli uffici municipali, siano aperti per urgenze e richieste di assistenza dei cittadini, dichiarano in modo congiunto, la capogruppo della Lega X Municipio Monica Picca e il consigliere della Lega X Municipio Luca Mantuano”

Nel territorio del X Municipio, già si sta attivando un piano di intervento rafforzato in termini sanitari, con l’allestimento di un ospedale da campo situato nel parcheggio dell’ospedale G.B. Grassi di Ostia, con la funzione di ulteriore filtro sanitario per la valutazione del rischio sui passeggeri in transito dal vicino Aeroporto di Fiumicino.

(Il Faro on line)