Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, Severini: “Il piano del tpl fa acqua in tutte le località”

Il capogruppo di Crescere Insieme: "Chiediamo un confronto immediato"

Fiumicino – “La conferenza stampa con cui, ieri, è stato inaugurato il nuovo servizio di trasporto pubblico locale ha visto la partecipazione della maggioranza, ma non dell’opposizione. Perché? La risposta è semplice: non siamo stati informati, né tantomeno invitati”, si legge in una nota diffusa da Roberto Severini, capogruppo della lista civica di Fiumicino Crescere Insieme.

“Ma la cosa più grave – continua Severini – è che, stando ai materiali diffusi dall’Amministrazione comunale, il nord del territorio viene inspiegabilmente penalizzato ed isolato dal resto della città: gli studenti e i pendolari di Aranova, di Valle colpa e via Raulich devono fare più di due chilometri a piedi per prendere un mezzo pubblico mentre, per arrivare al Bambin Gesù, a Palidoro o a Passoscuro è necessario arrivare fino a Maccarese per prendere la circolare. Per non parlare di Torrimpietra, che sembra non essere pervenuta: un’assurdità. Fregene e Testa di Lepre – come pure Tragliata e Tragliatella -, poi, risultano penalizzate per quel che riguarda tragitti e orari delle corse. Persino Isola Sacra, uno dei cuori pulsanti della città, risulta gestita solo nel perimetro: non vi è, infatti, alcun collegamento interno”.

“Ci auguriamo che si tratti di un problema temporaneo, dovuto ai pochi mezzi attualmente a disposizione, ma questo non toglie che sarebbe una follia anche solo pensare di poter trascinare per mesi una situazione così problematica; c’è bisogno di un tavolo di confronto immediato, che possa cambiare al più presto lo stato delle cose. Perché, poi, non informare per tempo i cittadini, con assemblee o brochure a domicilio o per via informatica? Con tutti i soldi “inutili” che si spendono ogni giorno, non si poteva pensare d’investire qualcosina di più sulla comunicazione? Siamo a disposizione per un confronto serio e che miri al benessere di tutta la città, non solo di una parte di essa”, conclude Severini.

(Il Faro online)