Seguici su

Cerca nel sito

Porta a Porta, 7 persone in “quarantena” dopo la puntata con Zingaretti

Una mail indirizzata al personale presente in quella puntata ha avvertito della "quarantena" a scopo precauzionale.

Roma – Sette persone della redazione di Porta a Porta sono state messe in quarantena per la trasmissione fatta con Zingaretti.

Lo scorso 4 marzo, Zingaretti è andato ospite di Bruno Vespa negli studi Rai di Porta a porta. Il conduttore ha più volte esibito gesti di precauzione davanti alle telecamere, compreso lo starnutire nell’incavo del gomito per non rischiare di trasformare le mani in vettori di infezione. Ma evidentemente non è bastato.

Una mail indirizzata al personale presente in quella puntata ha avvertito della “quarantena” a scopo precauzionale. Tra questi non ci sarebbe il conduttore, Bruno Vespa.

“Essendo l’unico ad aver contattato Nicola Zingaretti scrivendogli ‘in bocca al lupo’ invece di terrorizzarsi, posso dire che il suo portavoce mi ha chiamato per dirmi che vanno monitorate solo le persone che nelle ultime 48 ore sono state a 30 centimetri da lui per almeno mezz’ora… Peraltro ieri sera sono sempre stato a distanza di sicurezza da tutti i personaggi Rai presenti in studio. Li ringrazio per aver contribuito a fare una trasmissione di vero servizio pubblico premiata anche dagli ascolti (3,3 milioni. 14.2 di share)”, ha scritto Bruno Vespa in una lettera invita a Dagospia.