Seguici su

Cerca nel sito

Severini: “Mercati aperti alla gente? E’ una questione di buon senso prima che di legge”

"Io da sempre sto con i lavoratori, ma non è questo il momento storico di permetterci leggerezze"

Fiumicino – “Lasciare aperto un mercato, così come le ville, quando è evidente che il contagio sia pericolosissimo e che molta gente ancora non ne percepisce la pericolosità, è un’azione irresponsabile. Seppur giusta a norma di legge, è profondamente sbagliata come linea di prevenzione. Da un sindaco ci si aspettano le decisioni del buon padre di famiglia, non del burocrate di turno”.  Lo afferma Roberto Severini, capogruppo di Crescere Insieme,

“Lasciare i mercati aperti non rappresenta un bene primario – prosegue -, in quanto tutto il territorio di Fiumicino è dotato di supermercati di piccole e medie dimensioni che possono bastare. I controlli effettuati sono giocoforza insufficienti, e il rischio che abbiamo corso stamattina è tanto inutile quanto rischioso. Roma è andata oltre il decreto, vietando l’ingresso alle ville storiche. Qui da noi abbiamo Villa Guglielmi ancora fruibile e i mercati lo stesso.

Ciò che alcuni consiglieri non hanno capito, è che io non sto facendo assolutamente polemica, ma sto sottolineando la poca opportunità di tenere aperto un mercato quando ad oggi, lunedì, i beni primari sono garantiti da tutti i supermercati, con controlli decisamente più efficaci.

Dal momento che siamo tutti in quarantena – spiega ancora Severini -, e al nostro senso civico viene comunque richiesto di non muoverci, sarebbe bene che le istituzioni locali, che conoscono i rischi del proprio territorio, facessero la propria parte. Io da sempre sto con i lavoratori, ma non è questo il momento storico di permetterci leggerezze. Se il coronavirus continuerà ad attecchire, conteremo i contagiati, e purtroppo i morti, non i clienti.

Usare i comunicati stampa per rispondere alle sollecitazioni sui social, già dà il senso di come si approccia questa amministrazione ai suggerimenti. Ma già che ci siamo do un consiglio a chi si preoccupa dei social: non guardate i messaggi di Severini, ma di tutti i cittadini che commentano. Avrete un quadro chiaro di come la pensa la gente. Inutile fare continui appelli a restare in casa e poi organizzare appuntamenti fuori”. #iostoacasa