Seguici su

Cerca nel sito

A Gaeta arriva l’iniziativa #ioleggoacasa

Un modo per stemperare le tensioni ma anche per riprendere/approfondire la passione per la lettura

Gaeta – Il Comune di Gaeta e lo Sportello per le Adozioni Internazionali “Ernesto” aderiscono all’iniziativa lanciata dall’Accademia della Scrittura “Io leggo a casa” per contrastare l’emergenza che sta colpendo il nostro Paese. Un’idea che si è diffusa rapidamente sui social e che sta coinvolgendo tantissimi amici, autori, blogger e lettori.

“In questo momento di emergenza – spiega il Sindaco Cosmo Mitrano – non tralasciamo alcun aspetto rivolgendoci ad ogni fascia d’età soprattutto ai più giovani. Aderiamo con entusiasmo ad un’iniziativa nazionale perché consapevoli che attraverso la lettura possiamo trovare un rifugio sicuro e piacevole”.

“In questo periodo – dichiara il Presidente della Commissione Cultura Gianna Conte – abbiamo raccolto le preoccupazioni e le difficoltà dei nostri cittadini e soprattutto delle nostre famiglie; ma cerchiamo di vivere ogni momento della giornata in maniera propositiva. Mi rivolgo a voi, soprattutto bambini e ragazzi, che in questo periodo avete più tempo per dedicarvi alla lettura… adottiamo il motto #ioleggoacasa”.

Il Comune di Gaeta e l’Associazione “Ernesto” invitano dunque tutti i cittadini, in particolare i ragazzi che stanno soffrendo più di altri il peso della restrizione, ad aderire a questa campagna per trasformare in un’occasione culturale questo tempo che siamo obbligati a trascorrere in casa. Un modo per stemperare le tensioni ma anche per riprendere/approfondire la passione per la lettura.

Per i più piccoli, invece, è stata lanciata il progetto del “Dantedì” online; una versione diversa quella inizialmente prevista dal Ministero dei Beni Culturali ma comunque efficiente. Tramite l’Associazione Ernesto, i bambini della scuola primaria posso ricevere il file con il materiale: con l’aiuto dei genitori dovranno scegliere il disegno preferito, stamparlo, colorarlo in maniera originale, scattare una foto con il prodotto finito e inviarla all’Associazione Ernesto.

(Il Faro online)