Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Lo scaffale dei libri

E’ morto Albert Uderzo, il creatore della saga a fumetti di Asterix e Obelix

L'artista francese è morto all'età di 92 anni. L'annuncio è stato dato dalla famiglia

Più informazioni su

Parigi – Il grande disegnatore francese Albert Uderzo, creatore della saga a fumetti di Asterix e Obelix, con lo sceneggiatore René Goscinny, è morto all’età di 92 anni. L’annuncio è stato dato dalla famiglia. Dopo la prematura scomparsa di Goscinny, nel 1977, Uderzo ha continuato la realizzazione della popolare serie delle avventure degli irriducibili Galli in perenne lotta contro i Romani.

Uderzo e Goscinny debuttarono con le storie di Asterix il 29 ottobre 1959 con il primo numero di “Pilote”, edita dalla Societé Nouvelle du Journal Pilote (creata per l’occasione). Albert Uderzo ne era il direttore artistico.

Uderzo, pur mantenendo la supervisione sugli albi della saga di Asterix fino all’ultimo, il 38esimo, “Asterix e la figlia di Vercingetorige”, uscito nello scorso autunno, nel 2011 aveva scelto i suoi eredi: Jean-Yves Ferri (sceneggiatura) e Didier Conrad (disegni), che hanno debuttato con “Asterix e i Pitti” il trentacinquesimo albo a fumetti della serie Asterix apparso nel 2013.

Alberto Aleandro Uderzo nasce a Fismes (Marne) il 25 aprile 1927 da genitori italiani, Leonardo Uderzo e Iria Crestini (lui della provincia di Vicenza, lei toscana; la famiglia ottiene la cittadinanza francese nel 1934. Dimostra una grande abilità nel disegno fin dalle scuole elementari.

Già nel 1940, a tredici anni e mezzo, lavora a Parigi nella redazione di “Junior”, facendo qualche disegno e occupandosi di impaginazione e di ricerca iconografica. Alla fine della seconda guerra mondiale collabora alla rivista “O.K.” dando tra l’altro vita ad Arys Buck (un guerriero gallo invincibile che può essere considerato una specie di precursore di Asterix) e al medievale Belloy (protagonista di storie prevalentemente umoristiche).

Nella prima metà degli anni Cinquanta, dopo aver creato altri personaggi come Clopinard, un vecchio soldato con una sola gamba, e Prince Rollin, in seguito alla chiusura di “O.K.”, Uderzo inizia a collaborare con “France-Soir” e “France-Dimanche” illustrando fatti curiosi ed episodi di cronaca.

Nel 1954 conosce lo sceneggiatore René Goscinny, con il quale realizza tra l’altro le avventure del pellerossa Oumpah-Pah (dal 1958 sulla rivista “Tintin”) e soprattutto quelle di Asterix, uno dei più popolari personaggi di tutti i tempi (dal primo numero di “Pilote” del 1959).

Ancora nel 1959, sul neonato settimanale francese “Pilote”, su testi di Jean-Michel Charlier, dà vita anche ai piloti Tanguy e Laverdure, che in seguito saranno continuati da Jijé. Uderzo ha continua da solo le avventure di Asterix dopo la morte di Goscinny, fondando Les Editions Albert René, che hanno continuano a pubblicare le nuove avventure del piccolo gallo e del suo villaggio fino all’acquisizione da parte di Hachette, avvenuta nel 2008.

Albert Uderzo ha scritto e disegnato personalmente ogni nuova avventura di Asterix, dopo la scomparsa di Goscinny, impiegando circa tre mesi per la storia e i dialoghi e sei mesi per i disegni. Da quando Asterix fu creato, per le oltre 30 diverse storie da lui ideate, Uderzo ha prodotto oltre 14.000 disegni.

In 60 anni di pubblicazioni, dal 1959 al 2019, uscita del 38esimo albo, si calcola che le storie di Asterix abbiano venduto oltre 300 milioni di copie con traduzioni in un centinaio di Paesi. Ogni albo di Asterix è stato stampato con una prima tiratura complessiva di 5 milioni di copie, di cui 2 milioni riservate alla Francia, dove Asterix e Obelix sono considerati delle specie di eroi. Per i festeggiamenti dei 60 anni nel 2019 le Poste francesi hanno stampato una serie di francobolli commemorativi in onore di Asterix.

(Il Faro online)

Più informazioni su