Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Papa & Vaticano

Il crocifisso di S. Marcello portato in Vaticano per la preghiera del Papa contro la pandemia

Nel 1522 venne portato in processione penitenziale per le strade di Roma e terminò la peste che aveva colpito la Capitale

Roma – È stato trasportato oggi nella basilica di San Pietro il crocefisso custodito nella chiesa di San Marcello al Corso a Roma, visitato da Papa Francesco in pellegrinaggio domenica 15 marzo (leggi qui).

Il crocefisso in legno del XV secolo, è legato a due eventi ritenuti miracolosi, il primo quello che vide il crocefisso essere l’unica cosa scampata all’incendio che devastò nel 1519 la chiesa dentro cui era custodito, l’altro nel 1522, quando una processione penitenziale al seguito segnò il termine di una grave pestilenza.

Il crocefisso è stato portato in Vaticano in preparazione al momento di preghiera voluto dal Papa per domani, 27 marzo, alle 18, quando Francesco presiederà in diretta televisiva la funzione dal sagrato della basilica petrina davanti alla piazza vuota, impartendo al termine la benedizione Urbi et Orbi con la possibilità di ricevere l’indulgenza plenaria, per chiedere la fine della pandemia di coronavirus Covid-19.

(fonte Sir)