Seguici su

Cerca nel sito

Ecco il modulo del Comune di Roma per accedere ai buoni spesa contributo covid-19

Pubblicato online il modulo attraverso il quale richiedere il contributo entro il 16 aprile. Buoni spesa da 200 a 500 euro una tantum

Roma – E’ stato pubblicato online il modulo attraverso il quale fare richiesta del contributo covid-19 buoni spesa una tantum. Il moduli dovranno essere inviati via email dal 31 marzo al 16 aprile.

I cittadini residenti nel territorio comunale, dovranno far pervenire al Segretariato Sociale tramite mail dei Municipi territorialmente competenti, a partire dal 31 marzo al 16 aprile 2020, la domanda formulata nel modulo, con oggetto: RICHIESTA ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO – COVID 19.

Mascherine per uso quotidiano e gel igienizzanti per le mani li trovi digitando sulle scritte arancioni. 

I cittadini non residenti impossibilitati a raggiungere il proprio luogo di residenza, la domanda la dovranno far pervenire nello stesso arco di tempo tramite mail al Dipartimento Politiche Sociali. I Municipi di Roma Capitale provvederanno ad effettuare gli opportuni controlli successivi in ordine alla veridicità delle attestazioni riportate nella domanda pervenuta presso i Segretariati Sociali e presso il Dipartimento Politiche Sociali. Potrà presentare la domanda un solo componente per nucleo famigliare convivente.

Per i residenti del X Municipio l’indirizzo email al quale far pervenire il modulo di richiesta del contributo è direzionesocioeducativa.mun10@comune.roma.it. Qualche problema nel ricevimento delle email si è manifestato nei primi giorni del servizio (leggi qui). Così, in ragione del fallimento dell’operazione nei primi giorni di apertura delle richieste, il Comune di Roma ha attivato nuove caselle di posta elettronica. Ecco dove vanno inviati i moduli

IL MODULO SI PUO’ SCARICARE ATTRAVERSO QUESTO LINK modulo buoni pasto roma

I destinatari del contributo economico sono le persone e le famiglie in condizione di assoluto e/o momentaneo disagio, privi della possibilità di approvvigionarsi dei generi di prima necessità. La platea dei beneficiari ed il relativo contributo sarà individuata tra i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico. Possono beneficiare del contributo anche i cittadini non residenti impossibilitati a raggiungere il proprio luogo di residenza.

Sul sito è possibile scoprire anche l’elenco dei punti vendita convenzionati nei quali spendere i buoni spesa.

I contributi per l’acquisto dei generi alimentari e/o di prima necessità saranno erogati secondo tre fasce:

fino a 300 euro per nuclei familiari composti da 1 o 2 persone;

fino a 400 euro per nuclei familiari composti da 3 o 4 persone;

fino a 500 euro per nuclei familiari composti da 5 o più persone.

Ricordiamo (qui trovi il dettaglio) che per il X Municipio sono stati destinati poco più di 567mila euro per questa finalità. Peraltro come spiega questo articolo, l’accordo stretto dal Comune di Roma con il gestore dei ticket spesa è assolutamente svantaggioso per i commercianti che devono riconoscere al mediatore il 16% del valore, quota che poteva essere destinata ulteriormente alle famiglie bisognose.