Seguici su

Cerca nel sito

Fondi comunali per Covid-19, ad Anzio oltre 500 domande in un giorno

Il sindaco Candido De Angelis: "Siamo pronti a stanziare ulteriori risorse per i cittadini e per le categorie produttive della nostra città"

Anzio – In un solo giorno, al Comune di Anzio, hanno superato quota 500 le domande dei cittadini per ottenere le carte prepagate con il contributo sociale comunale (fino a 600 euro) e con il bonus comunale scuola (fino a 170 euro per tablet, scheda dati e attrezzature informatiche). La Giunta De Angelis, al momento, per fare fronte alle difficoltà economiche del territorio causate dal coronavirus, ha stanziato 900.000 euro di fondi comunali, che includono anche 500.000 euro di riduzione della Tari per le categorie produttive della città.

“Oltre cinquecento domande il primo giorno, – dice il sindaco, Candido De Angelis – sono la conferma che abbiamo messo tutti nelle condizioni migliori per partecipare ma, purtroppo, ci dicono anche del disagio economico di tante famiglie. Il contributo sociale è stato strutturato con un avviso aperto, con l’obiettivo di raggiungere quante più famiglie possibili. Già da domani la commissione inizierà a visionare le domande, per dare nell’immediato una risposta concreta a chi è in difficoltà. Ieri abbiamo approvato l’avviso pubblico e la modulistica, con la pubblicazione online di tutto l’occorrente; oggi oltre cinquecento domande, domani la lavorazione delle pratiche e nei prossimi giorni la consegna delle prime carte prepagate”.

Siamo stati i primi in Italia, sono orgoglioso che la città di Anzio venga presa come modello da seguire, rispetto ad atti che migliorano la vita delle persone. Se tutto questo è stato possibile è anche merito di una task force di dipendenti pubblici che, lavorando sette giorni su sette, quasi h24, sono rimasti in servizio per aiutare la cittadinanza. Oltre a questi primi 900.000 euro, se necessario – conclude il sindaco De Angelis -, insieme alla Giunta ed ai consiglieri della maggioranza, siamo pronti a stanziare ulteriori risorse per i cittadini e per le categorie produttive di Anzio”.

(Il Faro online)