Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Papa & Vaticano

Covid-19, Francesco dona 60mila euro all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo

La diocesi di Bergamo: "Si tratta di un nuovo segno della sua vicinanza che si aggiunge alla telefonata al vescovo, mons. Francesco Beschi, di qualche giorno fa"

Bergamo – “Papa Francesco, per tramite del vescovo di Bergamo, ha donato 60.000 euro all’Ospedale Papa Giovanni come segno della sua premura e della sua carità”. Lo rende noto la diocesi di Bergamo, che evidenzia: “Si tratta di un nuovo segno della sua vicinanza che si aggiunge alla telefonata al vescovo, mons. Francesco Beschi, di qualche giorno fa in cui manifestava i suoi sentimenti di condivisione del dolore per i numerosi sacerdoti e fedeli defunti a causa del Coronavirus e di prossimità ai malati, a coloro che li curano, alle famiglie, alle parrocchie e a tutta la comunità bergamasca”.

L’espressione della sua paternità, come è comprensibile, raggiunge tutte le diocesi colpite dalla violenza del contagio, ma nello stesso tempo desidera manifestarsi particolarmente a quelle comunità che ne sono maggiormente colpite. L’Ospedale di Bergamo, portando il nome del Santo Papa bergamasco, rappresenta un ulteriore motivo con particolare valore simbolico di questo gesto di prossimità di Papa Francesco”, prosegue la nota della diocesi di Bergamo.

Il vescovo ha espresso all’elemosiniere pontificio e al Capitolo di San Pietro “i sentimenti di profonda gratitudine” a nome suo e dell’intera diocesi, da presentare a Papa Francesco, “accompagnandoli con la promessa della nostra preghiera”.

Mons. Beschi ha trasmesso al direttore generale dell’Ospedale Papa Giovanni il dono del Santo Padre, accogliendo la sua profonda riconoscenza e quella di tutti coloro che vi sono curati e vi lavorano. “L’Ospedale impiegherà questo concreto segno della paternità del Santo Padre anche nella struttura nata alla Fiera che dai prossimi giorni risponderà ai bisogni di tutti i bergamaschi”, informa la diocesi.

(Il Faro online) – Foto © Vatican Media