Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, si pensa al dopo emergenza: al via appalti per spiagge libere e campagna di rilancio d’immagine

Il X Municipio assegna l’appalto per fornitura di docce e zone d’ombra sulle spiagge libere. Si ricerca anche agenzia di comunicazione per una campagna di promozione del territorio

Ostia – L’emergenza covid-19 non ferma la macchina amministrativa e l’impegno in previsione dell’estate balneare. Così il X Municipio assegna l’appalto per gli allestimenti delle spiagge libere e annuncia una campagna di promozione d’immagine del litorale romano.

Sono stati assegnati i “Lavori di fornitura e posa in opera di dieci docce, fornitura e posa in opera di zone d’ombra e di una rampa d’ingresso per rendere fruibili le spiagge libere di Ostia – Stagione balneare 2020” disposti dal X Municipio. Tre sono state le imprese partecipanti e l’offerta economicamente più conveniente è stata quella presentata dall’impresa COGEMA COSTRUZIONI SRL che ha vinto la gara proponendo un ribasso del 34,235% sull’importo a base di gara. Rispetto ai 65.014 a base d’asta, l’operazione costerà al X Municipio 43.566 euro.

Si tratta di posare dieci docce al servizio di altrettante spiagge libere, di stendere le passerelle d’accesso agli arenili e realizzare zone d’ombra per i bagnanti privi di ombrellone al seguito. L’esito della gara è stato pubblicato giovedì 2 aprile e i lavori dovranno essere eseguiti entro e non oltre il 20 aprile prossimo.

Il X Municipio ha pubblicato anche un appello per reperire un’agenzia di comunicazioneai fini di una campagna di promozione e rilancio del territorio da realizzarsi al termine dell’emergenza attualmente in corso”. L’obiettivo è quello di sostenere i valori turistici di Ostia e dintorni attraverso immagini, comunicati e rapporti con le principali testate giornalistiche. I requisiti richiesti sono un’esperienza pluriennale nel settore, una comprovata conoscenza degli elementi di attrattività del territorio municipale, nonché delle sue attività turistiche.

Peccato che in questa call non si indichi quale sia la cifra eventualmente a disposizione per l’attività ma si rimandi a un generico preventivo da parte delle imprese interessate a candidarsi. Una modalità che si presta a valutazioni fortemente influenzabili.