Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, buoni spesa: la protesta di “Cambiamo” contro le procedure del Comune

Cambiamo: il Comune di Ardea ha aperto il proprio ufficio per la raccolta delle richieste per i buoni spesa. Ha preso una scatola di cartone e l'ha messa nell'area esterna della sede della Polizia Locale"

Ardea – “In questo periodo di emergenza legata al Coronavirus, il Comune di Ardea ha aperto il proprio ufficio per la raccolta delle richieste per i buoni spesa. Lo fa in un modo che, dire originale, è un eufemismo: ha preso una scatola di cartone e l’ha messa nell’area esterna della sede della Polizia Locale“. È quanto si legge in una nota dei consiglieri comunali di Ardea ed esponenti di Cambiamo, Anna Maria Tarantino e Simone Centore.

Ardea buoni spesa

“Le persone – continua la nota – arrivano al cancello, allungano la mano e mettono lì le loro domande. Possono metterle ma possono anche toglierle, possono leggerle e ‘mescolare le carte’. Potrebbe anche piovere, e in quel caso tutte le domande diventerebbero illeggibili. Alla luce di tutto questo, ci chiediamo: come è venuto in mente al Comune di Ardea, a guida grillina, di attuare questo servizio “fai-da-te” assurdo e che rischia di mettere i dati personali del cittadino alla merce di tutti?”

“Pensiamo che – concludono i Consiglieri – il Prefetto di Roma debba intervenire perché ad Ardea, tra violazioni della privacy e condizioni assurde, ormai c’è da registrare un decadimento morale dell’istituzione pubblica”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea