Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19 in carcere, detenuta positiva a Rebibbia

Lo Spallanzani chiede la ricostruzione dei contatti della donna con l’effettuazione di tamponi

Roma – “Nella giornata di ieri, dopo il ricovero per sospetto Covid-19 di una detenuta proveniente dal carcere di Roma Rebibbia Femminile, è giunta in serata la positività della stessa e le indicazioni dell’ospedale Spallanzani di Roma, che chiede la ricostruzione dei contatti della detenuta positiva con l’effettuazione dei tamponi”. A dichiararlo è del segretario generale del sindacato di Polizia Penitenziaria, Aldo Di Giacomo.

“Finalmente – continua Di Giacomo – il buon senso prevale, anche se non dipende dall’amministrazione penitenziaria. Lo Spallanzani ha richiesto la ricostruzione dei contatti della detenuta con il Covid-19 e di sottoporre a tamponi tutte le altre detenute e compagne di cella che sono state in contatto con la stessa. Viene, inoltre, disposta la sanificazione dell’area infermeria e la quarantena per tutte le presenti, oltre 25 detenute”.

“E’ necessario affidare la gestione per l’emergenza sanitaria derivante dal coronavirus nelle carceri italiane a strutture come lo Spallanzani, il Cotugno ed il San Raffaele, solo per fare degli esempi, le quali potrebbero dettare le linee guida per cercare di evitare una catastrofe sanitaria oramai certa. L’amministrazione penitenziaria ha dimostrato di non avere nessuna capacità gestionale per l’emergenza Covid-19 negli istituti penitenziari italiani ed ormai il sistema sta per implodere. Le indicazioni date dallo Spallanzani sono utili per tutti i casi simili che si sono verificati e che si verificheranno nelle carceri italiane. Nelle immediate vicinanze dell’infermeria vi è la sezione ‘Orchidea’, dove lavorano le detenute dell’intera struttura carceraria e il reparto con le mamme con otto bambini. Questo accentua ulteriormente le preoccupazioni per il propagarsi del virus all’interno dell’istituto e soprattutto per la salute di mamme-detenute e bambini”.

“Proprio ieri – conclude Di Giacomo – avevo scritto al Presidente della Regione Lazio ed alla Protezione Civile per evidenziare la mancanza e l’inadeguatezza dei dispositivi di protezione individuale e la richiesta di tamponi per tutto il personale penitenziario”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana