Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Lettere al direttore

“Il Sindaco di Santa Marinella chieda scusa ai romani”

Lettera dell'avvocato Marco Valerio Verni in merito ai commenti apparsi sui social sui romani da parte dei cittadini e del Sindaco di Santa Marinella

Trovo inaccettabili i falsi allarmismi creati in questi giorni da certi articoli di stampa e da alcuni cittadini “santamarinellesi” sui social, in merito a presunte invasioni da parte dei “romani”. Al di là della forte discriminazione a cui si è assistito, con toni che ormai sono vietati addirittura negli stadi, e della infondatezza della caccia all’untore che si è creata ed alimentata, come dimostrato, peraltro, dai controlli effettuati dalle forze di Polizia, quello che ha colpito, sono le dichiarazioni del sindaco Tidei.

Costui, invece di stemperare i toni, come si converrebbe a qualsiasi buon padre di famiglia, ci ha messo del suo, unendosi ai cori di chi ha visto nei soli romani (che sarebbero stati individuati in base ad un criterio francamente ancora tutto da capire) i sicuri ed unici “violatori di regole”, ed addirittura accusando chi, di costoro, avesse la residenza a S. Marinella, di aver fatto questa scelta, in molti casi, per non pagare l’Imu. Affermazioni che, qualora vere, sarebbero gravissime e non degne di un primo cittadino.

Mi auguro, anche a nome dei tanti cittadini (romani, santamarinellesi e di altra provenienza per conto dei quali scrivo) che torni presto sui suoi passi, chiedendo scusa e cercando di ricucire una frattura che, ormai da giorni, si è creata e sui cui non si può più far finta di nulla.

Avv. Marco Valerio Verni