Seguici su

Cerca nel sito

Scontro tra Lega Calcio A e televisioni. Richiesta la sospensione del pagamento della sesta rata

È aperta la partita tra il calcio di Serie A e i broadcaster nazionali, tra cu Sky e Mediaset. Il calcio procederà ad ingiunzioni di pagamento

Roma – I broadcaster Dazn, Img, Mediaset, Rai, Sky in riferimento al pagamento dei diritti televisivi da versare alla Lega Serie A hanno richiesto una “sospensione” del versamento della 6a rata in scadenza il 2 maggio 2020 (in attesa della ripresa dei campionati).

In particolare, Dazn per l’acquisto delle 114 partite, trasmesse 77 e da trasmettere 37, ha già versato 160,8 milioni di euro (deve versare ancora 32,2 milioni di euro); Img per l’acquisto di 380 partite, trasmesse 256 e da trasmettere 124, ha già versato 285,3 milioni di euro (da versare 50,4 milioni di euro); Mediaset per l’acquisto di altri diritti ha già versato 2,1 milioni di euro (da versare 0,4 milioni di euro); Rai per l’acquisto di altri diritti ha già versato 12,8 milioni di euro (da versare 2,5 milioni di euro); Sky per l’acquisto delle 266 partite, trasmesse 179 e da trasmettere 87, ha già versato 650 milioni di euro (da versare 130 milioni di euro).

Se i broadcaster non rispetteranno la scadenza dell’ultima rata, la Lega serie A procederà all’emissione delle fatture e delle ingiunzioni di pagamento, presupposti necessari per adire successivamente le vie legali, ritenendo che vi sia un’ipotesi di inadempienza contrattuale; viceversa, le controparti ritengono di non essere obbligate per ragione di causa di impossibilità sopravvenuta, palesando la volontà di uno scontro frontale in caso di divergenza di vedute.

(fonte@sporteconomy.it/Raffaele Dell’Aversana)