Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Caso-Salzare ad Ardea, il Comune si attiva per porre fine al degrado

Dopo le annose polemiche sul caso Salzare, per lo stato di illegalità e degrado presente nel complesso immobiliare, finalmente il Comune interviene in modo concreto.

Ardea – Dopo le annose polemiche sul caso Salzare, per lo stato di illegalità e degrado presente nel complesso immobiliare, finalmente il Comune interviene in modo concreto. Da quanto si apprende, l’Amministrazione starebbe lavorando per la completa acquisizione e trascrizione degli immobili del tristemente noto “Serpentone”.

In seguito alle numerose denunce degli abitanti della zona alle istituzioni, rese note attraverso i media e ai canali social, il Comune, tramite l’ufficio preposto, ha avviato l’iter procedurale per l’acquisizione e l’immissione in possesso degli appartamenti del terreno in questione, già di proprietà del Comune da anni. Inoltre, trattandosi di occupazioni abusive, il Comune sta richiedendo a coloro che abitano nel sito l’indennità di occupazione. La complessa operazione durerà presumibilmente mesi ed è possibile che, una volta conclusasi, il territorio verrà riqualificato ponendo fine allo stato di degrado e di disagio sociale interno al complesso immobiliare.

In questi giorni infatti, gli abitanti del Serpentone hanno notato alcune facce “nuove” aggirarsi all’interno della palazzina “D”, la più degradata tra le quattro rimaste dopo le demolizioni attuate dalle precedenti amministrazioni. La presenza di questi sconosciuti ha destato allarme, in quanto la palazzina “D”, semidistrutta ormai, priva di fornitura di luce e acqua, non è di fatto abitabile.

I cittadini che abitano nelle altre palazzine riferiscono di aver allertato le Forze dell’Ordine, queste sempre in prima linea sul luogo per attenuare risse e schiamazzi vari.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea