Seguici su

Cerca nel sito

Gaeta aderisce alla “Giornata mondiale diversità culturale”

Il Comune di Gaeta, insieme all'associazione Ernesto, ha proposto un corso di lingua e cultura ungherese, nell’ambito del progetto "Distanti, ma uniti".

Gaeta – Il Comune di Gaeta aderisce alla “Giornata Mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo” che ricorre oggi e che istituita nel dicembre 2002 dall’assemblea generale delle Nazioni Unite, ha l’obiettivo di incrementare la consapevolezza globale dell’importanza del dialogo fra differenti culture.

“La giornata internazionale – spiega il sindaco Cosmo Mitrano – dunque è un’occasione per celebrare gli straordinari benefici della diversità culturale, incluso il ricco patrimonio immateriale. Noi siamo convinti che la diversità è un elemento di forza e il rispetto per la diversità culturale è essenziale per rafforzare il dialogo interculturale, lo sviluppo sostenibile e la pace. Un momento di riflessione e un invito al dialogo e alla fratellanza dei popoli per una crescita culturale e umana condivisa. Con questi presupposti il Comune di Gaeta, quest’anno, per celebrare la giornata del 21 maggio, grazie all’impegno dell’Associazione Ernesto (Ente autorizzato alle adozioni internazionali in Ungheria), propone un corso di lingua e cultura ungherese, nell’ambito del progetto “Distanti, ma uniti” il quale prevede misure di sostegno in favore delle famiglie”.

“Per inaugurare l’inizio di questo nuovo scambio culturale tra l’Italia e l’Ungheria – spiega il presidente della commissione cultura Gianna Conte –  ho consegnato simbolicamente al Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano la bandiera ungherese donata dall’Ente, per invitare anche tutti i bambini e ragazzi della nostra città ad usufruire di questa opportunità che ci viene proposta  dall’Associazione Ernesto”.

Il progetto linguistico – spiega la referente dello sportello “Ernesto” di Gaeta, Alessia Maria Di Biase –  inizialmente pensato per i bambini e ragazzi adottati in Ungheria grazie alla meditazione dell’Ente per ripercorrere il cammino delle proprie origini, è stato esteso anche ai bambini e ragazzi (non adottati) di tutto il territorio nazionale. Il corso, interamente gratuito da svolgere attraverso la piattaforma zoom, sarà tenuto dalla professoressa Zsuzsanna Rozsnyoi, docente presso l’Università di Bologna di lingua e cultura ungherese, autrice del libro “Sapori e ricordi d’Ungheria”, nonché responsabile della sede “Ernesto” di Ferrara.

“Con il corso di lingua e cultura ungherese – dichiara la professoressa Zsuzsanna Rozsnyoi – cerchiamo di fornire un supporto efficace alle famiglie per poter gestire in modo ottimale i loro bambini nel primo periodo dell’adozione, quando i piccoli non conoscono ancora i rudimenti della lingua italiana. Nostro desiderio è anche quello di continuare ad accompagnare le famiglie in questo percorso così impegnativo. Infatti, il corso che partirà a giugno, è un percorso senza precedenti, innovativo e dedicato a cui noi di Ernesto teniamo molto.”

I giorni e gli orari del corso saranno stabiliti e comunicati agli utenti al termine delle iscrizioni che potranno essere effettuate attraverso il sito www.associazionernesto.it.    

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Gaeta