Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, torna la spiaggia per i cani: ecco dove e come

Appalto del X Municipio all’unica società partecipante al bando di gara. Per la spiaggia per i cani l’amministrazione spenderà meno di 66mila euro

Ostia – Anche quest’anno i padroni degli animali d’affezione potranno portare i loro pelosi al mare: torna, infatti, la spiaggia per i cani.

Il X Municipio ha pubblicato l’esito della gara d’appalto per i Servizi di pulizia manuale e meccanica della spiaggia libera e controllo dei requisiti degli animali domestici ‘di affezione’. L’esito del bando, esaminato l’8 marzo e aggiudicato il 9 aprile, è stato pubblicato il 19 maggio. A vincerlo è stata l’unica ditta che vi ha partecipato, la “IC Servizi Consorzio stabile” che sulla base d’asta di 87.104 euro ha praticato un ribasso d’asta del 26,35%. Ciò significa che il X Municipio spenderà 65.546 euro. In realtà a occuparsi materialmente dell’incarico sarà la Cooperativa Sociale “Il Risveglio”, impresa di pulizie esecutrice designata in subappalto.

La spiaggia dei cani si realizzerà nel tratto terminale di lungomare Duca degli Abruzzi, esattamente nei 150 metri di fronte mare al confine con l’ingresso del porto turistico. La gara d’appalto indica che gli operai della ditta vincitrice dovranno pulire 300 metri di spiaggia ma che sono su 150 di questi si dovrà vigilare sulla frequentazione dell’arenile da parte dei cani, cioè controllare se gli animali hanno i requisiti.

In queste pagine puoi trovare il meglio per i nostri piccoli amici animali  

Istituita nel 2018, la spiaggia dei cani sotto la guida dell’associazione Freedog contava inizialmente un fronte mare di 300 metri ma, in seguito alle proteste dei residenti che venivano privati di un’arenile pubblico dove fare balneazione, il Municipio ha stabilito di dimezzare il fronte riservato ai possessori di animali (leggi qui). Nel 2018 il X Municipio spese 120mila euro per il servizio.

Resta viva la polemica sulla scelta della collocazione dell’unica spiaggia per cani del Comune di Roma: l’arenile, infatti, è stato collocato davanti ad un albergo e a ridosso dell’entrata del porto, spazi che meriterebbero ben altro trattamento in una visione di accoglienza turistica, soprattutto in un momento di grave crisi come quello attuale.

Relativamente alle norme che regoleranno la frequentazione della spiaggia per cani, si attende l’emissione dell’ordinanza di disciplina delle attività balneari. In ogni caso, valgono le regole già adottate nei confronti degli animali d’affezione che circolano negli spazi pubblici, in particolare l’obbligo di chippatura e di vaccinatura.