Seguici su

Cerca nel sito

Ferrara: “Per Zingaretti un romano vale poco piu’ di 2 centesimi di euro, mentre un cittadino di Fiumicino quasi 6 euro”

II Consigliere capitolino M5S: "La Regione trasferisce 457.885 euro agli 80mila cittadini governati da Montino e solo 765.161 euro ai 3 milioni di romani"

Roma – “Nicola Zingaretti torna ad attaccare Virginia Raggi ma e’ lui la minaccia per Roma. Delle due una, o e’ stato rimandato in matematica o per lui i cittadini romani non valgono un soldo”. Lo scrive su Facebook il consigliere capitolino del M5S, Paolo Ferrara (M5S).

“Vediamo chi e’ deleterio per Roma. La Capitale ha circa gli stessi chilometri di spiagge libere di Anzio, di Fondi o di Civitavecchia con la differenza che tutta la popolazione delle ultime tre citta’ deve essere moltiplicata per venti affinche’ si raggiunga la popolazione romana. Gli scappati di casa della Regione Lazio ne hanno combinata un’altra delle loro.

E’ chiaro che dovendo attuare misure di contenimento e di distanziamento sociale, piu’ spiaggia hai e meno problemi ti ritrovi. La Regione trasferisce 457.885 euro agli 80mila cittadini di Fiumicino governati da Esterino Montino (Pd) per mettere in sicurezza le loro spiagge e solo 765.161 euro ai 3 milioni di romani.

Per Nicola un romano vale meno, poco piu’ di 2 centesimi di euro, mentre un cittadino di Fiumicino vale quasi 6 euro.

Ci sono anche i 300.000 euro per i 20.000 abitanti di Sabaudia che possono tranquillamente godersi i loro 15 chilometri di spiaggia o 45mila cittadini di Fondi che andranno al mare nei loro 6 chilometri di fronte mare.

Sono contento per i cittadini di queste citta’, ma non posso esultare per la considerazione che hanno per i cittadini di Roma. Una vergogna, caro Nicola- prosegue Ferrara- Insomma, se i fenomeni del Partito democratico prendessero la calcolatrice si accorgerebbero che, al netto della lunghezza delle spiagge libere, ai cittadini romani sarebbero spettati piu’ di 2 milioni di euro dei 6 stanziati per difenderli da un virus che ha ucciso piu’ di 30mila persone.

Come se la salute pubblica fosse un diritto di alcuni e non di altri. Allora Zingaretti, chi e’ la minaccia per Roma? Vergogna”.