Seguici su

Cerca nel sito

Vertenza Atp a Formia, arriva il chiarimento della consigliera Sansivero

Sansivero: "L'Atp ha richiesto al Comune di anticipare circa 150mila euro per affrontare l'emergenza. Il Comune sta aspettando l'autorizzazione dalla Regione."

Formia – Nei giorni scorsi, è esploso il caso del probabile fallimento dell’Atp, l’azienda che si occupa del trasporto pubblico locale a Formia. A renderlo noto è stato proprio il presidente dell’Atp, Salvatore De Meo, che avrebbe dichiarato come gran parte della responsabilità sia da ascrivere al Municipio di via Vitruvio, che avrebbe mancato di versare all’azienda circa il 40% dei fondi regionali che spettavano loro.

Trasporto pubblico a un punto di non ritorno?

Il trasporto pubblico formiano sarebbe quindi a un punto di non ritorno? Si, stando a quanto riportando da temporeale, che ha sottolineato come l’azienda abbia già dovuto far ricorso a numerose anticipazioni bancarie per poter coprire i costi di gestione.

Un circolo vizioso quello in cui si troverebbe l’azienda: perché all’aumento degli oneri accessori si sarebbe aggiunto il mancato versamento dei fondi regionali da parte del Comune di Formia. Un circolo vizioso che, se non spezzato in tempo (entro fino mese), segnerà il fallimento dell’azienda e la fine del servizio erogato.

Il chiarimento della consigliera di maggioranza Sansivero

Sul caso, intanto, è intervenuta la consigliera di maggioranza Emanuela Sansivero che ha voluto chiarire: “L’azienda di trasporto locale ATP ha già ricevuto dal Comune di Formia i corrispettivi dei pagamenti fino al giorno 7 del mese in corso.

La suddetta azienda – prosegue la Sansivero –  ha  fatto richiesta al Comune di anticipare una somma non inferiore a 150mila euro per affrontare l’emergenza Covid 19.  È importante sapere che il Comune di Formia si è reso disponibile sia a erogare tale somma per intero in un’unica rata o a liquidare al gestore la somma (circa 90 mila euro) corrispondente alla tratta che non ha potuto effettuare a causa dell’emergenza Coronavirus.

In entrambe i casi – conclude la nota –  comunque il Comune deve aspettare  l’ autorizzazione dalla Regione, alla quale il Sindaco di Formia ha già prontamente effettuato formalmente richiesta, poiché, solo la Regione può e deve decidere quale sia la risposta.”

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Formia