Seguici su

Cerca nel sito

Tarquinia, vietato l’accesso di auto e moto alla spiaggia di San Giorgio

Tutte le novità dell'ordinanza firmata dal sindaco Alessandro Giulivi, in vigore dal 29 maggio e fino a nuove disposizioni

Tarquinia – Con un’ordinanza in vigore dal 29 maggio e fino a nuove disposizioni, il sindaco di Tarquinia, Alessandro Giulivi, ha vietato l’accesso di autoveicoli e motoveicoli alla spiaggia e al mare di San Giorgio.

Nel dettaglio, l’ordinanza prevede che:
1. che sia interdetto l’accesso degli autoveicoli e motoveicoli alla spiaggia e al mare antistante la Pineta di San Giorgio, sulla parte confinante la Riserva Statale delle Saline di Tarquinia (lungo la sponda sinistra del Fosso Circondario);
2. che, a tal fine, i Consorzi dei proprietari di tutti i terreni dei comprensori, edificabile e non, in località San Giorgio provvedano alla chiusura di tutti i varchi e/o passaggi che consentono direttamente o indirettamente il transito degli autoveicoli e motoveicoli per l’accesso alla spiaggia e al mare, tra la Riserva Statale delle Saline e l’area boscata della Pineta San Giorgio;
3. che la chiusura avvenga in corrispondenza dei perimetri dei comprensori edificabili e non, mediante recinzione (paletti e rete) e/o elementi di sbarramento (sbarre, staccionate o simili) tali da impedire l’attraversamento degli autoveicoli e motoveicoli delle aree che consentono l’accesso al mare, fatte salve le modalità di accesso dei proprietari ai propri fondi;
4. che l’accesso pedonale sia possibile lungo la viabilità di previsione pubblica (comunemente conosciuta come “viale Etruria”) e in attraversamento dei terreni di uso collettivo, confinanti con la Riserva Statale delle Saline, fino all’accesso al mare in corrispondenza della pineta di San Giorgio.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ORDINANZA COMPLETA

Ai trasgressori sarà applicata la sanzione amministrativa pecuniaria ai sensi dell’art. 6 del Codice della Strada, nonché secondo i principi ed il procedimento di cui all’art. 4 del D.L. n. 19 del 25/03/2020 e le somme dovute sono di spettanza del Comune di Tarquinia.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Tarquinia