Seguici su

Cerca nel sito

Rinegoziazione dei mutui, Europa verde Terracina: “Somme consistenti che possono essere utilizzate per una svolta green della città”

Subiaco: "Bisogna istituire un tavolo di crisi comunale, aperto anche ai contributi di tutte le forze politiche e delle associazioni di Terracina."

Terracina – Nei giorni scorsi, il Comune di Terracina ha approvato la delibera per la rinegoziazione dei mutui, già contenuta nel decreto del Governo per il rilancio dell’economia italiana.

Una svolta, questa, che secondo Europa verde Terracina consentirà una iniezione di liquidità nelle casse comunali.  “Somme ingenti non dovranno essere restituite per quest’anno allo Stato per i mutui in precedenza contratti. Dall’analisi della documentazione pubblicata sul sito comunale (http://hosting.soluzionipa.it/terracina/albo/albo_dettagli.php?id=17413) emerge infatti che quest’anno il Comune di Terracina a seguito della rinegoziazione dei suoi mutui con Cassa Depositi e Prestiti non dovrà restituire un bel gruzzolo di oltre 470.000 euro già previsti a Bilancio.

Inoltre, a seguito della riduzione della rata semestrale da 313.795 euro a 100.570 euro a partire dal 2021 consentirà anche un sostanzioso minore esborso per i prossimi anni. Ovviamente, la rinegoziazione prevede un allungamento della durata dei mutui fino al 2043 (24 anni) e, quindi, un maggior esborso finale complessivo di interessi per il Comune, con un incidenza degli stessi sul debito residuo al 1.1.2020 (3.143.012 euro) che passa da circa il 20% a quasi il 50%.

La possibile svolta green

Una minore rata per i mutui però potrebbe consentire lo stanziamento di un fondo di bilancio pubblico dedicato all’emergenza, che andrebbe ad integrarsi agli altri fondi stanziati a livello regionale e nazionale. Un fondo preposto ad aiutare i lavoratori, le famiglie, i professionisti e le imprese che si sono venute a trovare in difficoltà a seguito dell’emergenza Coronavirus e per dare davvero una svolta in senso ecologico e green allo sviluppo futuro economico e turistico della nostra città.

“Tutte le misure di sostegno dovranno essere orientate alla sanità, alla scuola, ad una nuova mobilità e alla transizione ecologica, considerando tutte le articolazioni del Green New Deal Europeo e la completa decarbonizzazione della nostra economia a livello nazionale e locale come essenziali per una corretta ripartenza.

Non possiamo permetterci di compiere più errori, consapevoli della relazione tra la pandemia e la crisi ambientale e climatica e – prosegue Gabriele Subiaco, coportavoce di Europa Verde – non possiamo certo seguire la proposta antistorica della Destra conservatrice e sovranista europea di cancellare il Green New Deal e tornare ad una economia del carbone.

Bisogna istituire un tavolo di crisi comunale, aperto anche ai contributi di tutte le forze politiche e delle associazioni (e non solo a chi già siede in Consiglio comunale come per ora previsto) per analizzare, valutare e comunicare con chiarezza ai cittadini tutte le necessarie ed auspicabili misure economiche (locali, regionali, nazionali, europee) a supporto sia delle famiglie e delle piccole imprese, con massima attenzione ai più fragili e ai più impattati dalla pandemia. In questo momento – conclude la nota – è necessario il contributo di tutti e Europa Verde Terracina vuole fare la sua parte.”

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Terracina