Seguici su

Cerca nel sito

Litorale pontino a misura di bambino, sono 8 le città su cui sventolerà la Bandiera verde

Il perfetto connubio di sicurezza e comfort è stato riconosciuto al Lido di Latina, a Sabaudia, a San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta, Formia e Ventotene. 

Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta, Formia e Ventotene – Dopo la Bandiera blu, il litorale pontino sta per ricevere un nuovo importante riconoscimento: su 8 città costiere su 11, infatti, sventolerà la Bandiera verde, ovvero il vessillo dato dai pediatri alle spiagge a misura di bambino.

Il perfetto connubio di sicurezza e comfort, infatti, è stato riconosciuto al Lido di Latina, a Sabaudia, a San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta, Formia e Ventotene. 

Ma quali sono i criteri per l’assegnazione della Bandiera verde?

Ma quali sono i criteri per ottenere che quest’importante vessillo sventoli sul proprio litorale? Ebbene, per questo riconoscimento, nato nel 2008 da un’idea del pediatra Italo Farnitani, ordinario alla Libera università degli
Studi di scienze umane e tecnologiche di Malta, che a tutt’oggi continua a occuparsene, i requisiti sono: acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia per torri e castelli, bagnini e scialuppe di salvataggio, giochi, spazi per cambiare il pannolino o allattare, e nelle vicinanze gelaterie, locali per l’aperitivo e ristoranti per i grandi.

E come fare, invece, per ottenere l’inserimento di una spiaggia nell’elenco delle Bandiere verdi? È necessaria la richiesta firmata di almeno 35 pediatri. Occorre inserire la località, seguita da nome, cognome, indirizzo, anno e luogo di specializzazione dei proponenti.  Per ulteriori informazioni sui criteri di selezione, comunque, è possibile visitare il sito sito www.italofarnetani.it.

Il commento dei Comuni pontini premiati

“La conferma della Bandiera Verde perle spiagge di Sabaudia – ha commentato l’assessore all’Ambiente Tiziano Laurinon è un mero vessillo ma un importante riconoscimento di cui andar fieri, perché non fa altro che confermare la bellezza e la diversità paesaggistica del nostro territorio.

Le famiglie con bambini piccoli possono scegliere la perla del Tirreno come località per trascorrere le proprie vacanze estive.  E noi – ha concluso l’assessore – continueremo nell’opera di preservarle e renderle ancora più accoglienti e ricche di servizi.”

Da San Felice, l’assessore Marco Di Prospero: “Il riconoscimento attesta che le nostre spiagge sono a misura di bambino. Certo, quest’anno a causa delle misure di prevenzione contro il coronavirus sarà più difficile per i bambini utilizzare i giochi in spiaggia e saranno costretti anche a rispettare altre regole. Il titolo, però, riconosce il lavoro che questa amministrazione sta facendo sulle tematiche turistico-ambientali. E in queste rientra anche una particolare attenzione rivolta al turismo dei più piccoli, delle famiglie con i bambini.”

“Una bella soddisfazione, che arriva per il secondo anno consecutivo – ha spiegato la consigliera comunale e pediatra di Terracina, Maurizia Barboni –  per un riconoscimento che qualifica i nostri lidi come adatti ai bambini e alle famiglie e che si aggiunge alla Bandiera Blu. Quest’anno sarà molto particolare per la fruizione delle spiagge ma Terracina può contare su caratteristiche che la rendono appetibile.”

“Il litorale gaetano – ha commentato  il sindaco Cosmo Mitrano – anche quest’anno viene premiato per le sue spiagge a misura di bambino, per la qualità delle sue acque limpide e basse vicino la riva. La Bandiera Verde rappresenta un altro importante tassello alla nostra offerta turistica e ci permette di affermare che la nostra città è una meta turistica sempre più a dimensione di bambino e famiglie.

Un attestato – prosegue il primo cittadino – che, soprattutto in questa fase delicata di ripartenza, ci sprona ad affrontare la stagione turistico-balneare con maggiore impegno. Siamo nella fase della ripartenza e dobbiamo, con consapevolezza, mantenere sempre alta la soglia dell’attenzione anche quando siamo in riva al mare, luogo che è da sempre sinonimo di gioco e di divertimento.

È quindi importante avere arenili puliti quotidianamente, spazi idonei e attrezzati per consentire ai bambini di giocare liberamente e ai genitori di trascorrere le vacanze in tutta tranquillità. Questo da noi è possibile – conclude il primo cittadino – e non a caso sempre più famiglie scelgono Gaeta quale meta per trascorrere le loro vacanze”.

Da Formia, il Sindaco, Paola Villa, ha sottolineato: “Ci prepariamo a una stagione balneare molto particolare a causa dell’Emergenza Covid ancora in atto. L’amministrazione comunale ha lavorato affinché le spiagge libere e non, anche se contingentate e rispettando tutte le prescrizioni, fossero aperte per permettere a tutti di godere del mare, soprattutto a quei bambini e alle famiglie che hanno passato gli ultimi mesi chiusi in casa a causa del lockdown.

Questo riconoscimento – ha concluso – è molto importante perché riconosce alle nostre spiagge tutta una serie di caratteristiche, dalla tipologia della sabbia e dei fondali sicuri e puliti per i bambini, alle strutture e i servizi pensati per garantire comodità a tutta la famiglia come le molte attività di ristorazione e parchi giochi per l’intrattenimento”.

Infine, il sindaco di Ventotene, Gerardo Santomauro ha commentato: “Questo riconoscimento ci lusinga anche perché è in linea con il nostro programma di rendere l’isola a misura di bambino. Vorremmo che la nostra isola diventi meta non solo di turismo giovanile ma luogo adatto anche ai bambini. Molti alberghi infatti già si stanno adattando con il modello family hotel, con personale specializzato.”

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina