Seguici su

Cerca nel sito

Mattarella nomina cavalieri della Repubblica nove ricercatori dello Spallanzani

I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali

Roma – Come annunciato ieri a Codogno (leggi qui), il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto insignire dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica un primo gruppo di cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus. I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali.

Del team presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma – struttura di eccellenza della sanità pubblica – fanno parte:

Maria Rosaria Capobianchi, a capo del team che ha contribuito a isolare il virus; Concetta Castilletti, responsabile della Unità dei virus emergenti. E ancora: Francesca Colavita, Fabrizio Carletti, Antonino Di Caro, Lucia Bordi, Eleonora Lalle, Daniele Lapa, Giulia Matusali, biologi.

Zingaretti: “Da Mattarella un importante riconoscimento”

Dal Presidente Mattarella un altro importante riconoscimento allo Spallanzani e a tutti i suoi operatori sanitari. Insigniti dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica medici e ricercatori dell’Istituto in prima linea contro il Covid. Maria Rosaria Capobianchi, a capo del team che ha contribuito a isolare il virus, Concetta Castilletti, responsabile della Unità dei virus emergenti, i biologi Francesca Colavita, Fabrizio Carletti, Antonino Di Caro, Lucia Bordi, Eleonora Lalle, Daniele Lapa, Giulia Matusali.

È una notizia straordinaria e riconosce il valore e la dedizione degli operatori di tutto il servizio sanitario del Lazio e dell’Italia, che ci permette di chiudere una prima drammatica fase e di iniziarne una diversa: convivere con il virus nella rinascita del Paese”,  scrive su Facebook il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Leodori: “Grati per l’onorificenza”

Grazie al Presidente Mattarella per l’onorificenza assegnata al team dell’ospedale Spallanzani, orgoglio del Lazio e dell’Italia intera”. Lo scrive sulla sua Pagina Facebook il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori.

“Medici, infermieri, ricercatori – continua – che hanno lottato senza sosta e in modo straordinario fin dal primo giorno dell’emergenza coronavirus. Complimenti a Maria Rosaria Capobianchi, a capo del team che ha contribuito a isolare il virus, Concetta Castilletti, responsabile della Unità dei virus emergenti, e ai biologi Francesca Colavita, Fabrizio Carletti, Antonino Di Caro, Lucia Bordi, Eleonora Lalle, Daniele Lapa, Giulia Matusali”.

D’Amato: “Ora la sfida continua con il vaccino”

“Stamani appresa la notizia ho telefonato alla dottoressa Capobianchi a capo del team e scherzosamente le ho chiesto: ora come ti devo chiamare? E lei ha risposo: sempre Maria. Sono orgoglioso dell’Istituto Spallanzani e del Sistema sanitario regionale per la gestione del Covid-19. Fiero degli operatori dello Spallanzani, in prevalenza donne, che hanno ricevuto questa importante onorificenza dal Presidente della Repubblica a testimonianza, attraverso di loro, di un impegno di tutto il sistema sanitario regionale. Adesso la sfida continua, lo Spallanzani e la Regione Lazio sono impegnate per la ricerca del vaccino, un bene comune poiché il Covid-19 verrà definitivamente sconfitto nel momento in cui sarà disponibile per tutti e senza limitazioni di accesso il vaccino”, il commento dell’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Foto © Ufficio Stampa Quirinale