Seguici su

Cerca nel sito

Fregene, “Cassa integrazione, né spiegazioni né soldi”

La storia di cinquanta dipendenti di Coop 2001, che da più di tre mesi non ricevono alcun tipo di sostegno economico

Fiumicino – “E’ da marzo che moriamo di fame, ma nessuno sa darci spiegazioni“. A parlare è una dipendente di Coop 2001, società cooperativa di appalti di pulizia, facchinaggio e manutenzioni. A più di tre mesi dall’inizio dell’emergenza sanitaria, infatti, ai cinquanta lavoratori di Coop 2001 non è arrivato alcun tipo di sostegno economico.

“Sebbene la Coop 2001 dica di essere stata fra i primi a richiedere la cassa integrazione – spiega una dipendente -, non abbiamo ancora visto un euro e, quando cerchiamo di saperne di più, dall’azienda ci rispondono che la domanda è stata regolarmente accettata e che l’Inps se ne sta occupando”.

Ma il mistero si infittisce: “Abbiamo faticosamente chiesto all’Inps qualche ragguaglio, ma ci hanno risposto che a loro non risulta presentata programmato alcun pagamento nel sistema”.

Uno scenario che preoccupa sempre di più i dipendenti della società, oramai con l’acqua alla gola, e che riguarda anche i nostri territorio, avendo la cooperativa anche una scuola di Fregene tra i suoi asset. “Sono tre mesi che non ci pagano e non sappiamo più come tirare avanti. L’unica eccezione è stato l’anticipo della quattordicesima, ma 200 euro non bastano di certo a sostenere una famiglia. Peraltro, non ci sono prospettive future, perché il nostro appalto è scaduto: questo significa che non riprenderemo a lavorare neppure a settembre”.

A regnare sovrano è il caos: fra i lavoratori, infatti, circolano informazioni diverse e spesso contraddittorie. “Ognuno – racconta la dipendente – dice una cosa diversa: a questo punto, non sappiamo più a chi o a cosa credere. Sul sito non c’è alcuna comunicazione ufficiale. Dicono di aver inviato il modulo SR-41 agli inizi di giugno, insieme all’Ibm: ma mentre i dipendenti di Ibm sono già stati pagati, a noi non è ancora arrivato niente. Siamo disperati e non sappiamo più a chi appellarci”.

Una cosa, dalla parte dei dipendenti, è chiara: “Di chiunque sia la responsabilità, se qualcuno pensa che così facendo saremo spinti verso le dimissioni, si sbaglia di grosso: faremo valere i nostri diritti fino all’ultimo. Vogliamo risposte, vogliamo trasparenza, vogliamo la verità“.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino