Seguici su

Cerca nel sito

Lettere al direttore

Parco Leonardo, il confine con Roma tra degrado e incuria: la denuncia di un residente foto

"Buste di immondizia gettate dai finestrini delle auto, lavatrici, materassi ed altro ciarpame, ma anche scarti tossici e inquinanti, come stampanti laser".

Più informazioni su

Fiumicino – “Di sicuro sarete già stati informati, ma dal momento che la situazione sta diventando sempre più insostenibile ho deciso di reiterare la segnalazione di una discarica abusiva al confine del territorio comunale, nella “terra di nessuno” tra Via delle Arti (00054 – Comune di Fiumicino) e Via Gaetano Roselli Lorenzini (00148 – Area Metropolitana di Roma – Ponte Galeria) in prossimità della Via Portuense”.

Comincia con queste parole la lettera di un cittadino, residente alle Pleiadi, che denuncia lo stato di abbandono e di degrado della zona di confine tra il comune di Fiumicino e il comune di Roma.

“Va considerato – prosegue il testo – parte di questa discarica anche il tratto di Viale delle Arti che da Via Stoccolma corre parallelo a Via delle Arti e quindi passa sotto al cavalcavia di collegamento con la Complanare A91.

Negli ultimi tempi alle consuete, deprecabili buste di immondizia gettate dai finestrini delle auto si sono aggiunti rifiuti di maggiori dimensioni quali lavatrici, materassi ed altro ciarpame, ma anche scarti tossici e inquinanti, come stampanti laser forse ancora contenenti del toner.

Per noi che abitiamo alle Pleiadi è evidente come il degrado sia causato dal comportamento incivile di pochi; lo stato di incuria immagino dipenda da un conflitto di competenze tra i due comuni confinanti.

Sono certo basterebbe un piccolo sforzo in più al Comune di Fiumicino, cui appartiene l’area residenziale più prossima e tanto si distingue per l’attenzione al corretto smaltimento dei rifiuti, per organizzare una pulizia anche solo quindicinale dell’area interessata, che deturpa una zona altrimenti gradevole fruita volentieri da noi residenti per passeggiare vicino casa, nonché “riscoperta” da molti durante il lockdown”

M.S. (lettera firmata)

Più informazioni su