Seguici su

Cerca nel sito

Fazzolari: “Il Governo trama per consentire la speculazione sull’aeroporto di Fiumicino”

"Fratelli d'Italia continuerà a vigilare su questo scempio e non consentirà che una politica compiacente continui ad arricchire i soliti potentati a danno degli italiani"

Fiumicino – “Il Governo scappa dall’interrogazione parlamentare che Fratelli d’Italia ha presentato sulla riserva naturale statale del litorale romano, minacciata dall’inutile speculazione del raddoppio dell’area aeroportuale di Fiumicino”.

È quanto dichiara il senatore Giovanbattista Fazzolari, responsabile del programma di Fratelli d’Italia.

Il Ministero dell’ambiente ha oggi annullato la discussione dell’interrogazione a mia firma n. 3-00267 sul tema, prevista in aula al Senato per giovedì 25 giugno.

Evidentemente il Governo si è voluto sottrarre a una questione di grande attualità, considerato che il Ministro delle infrastrutture De Micheli, del Pd, ha recentemente reinserito il raddoppio dell’aeroporto di Fiumicino nel documento “Italia veloce”.

Ciò nonostante sia ormai chiaro a tutti che il potenziamento dell’aeroporto di Fiumicino possa essere fatto all’interno dell’attuale sedime aeroportuale, che il sistema del trasporto aereo nazionale necessiti di un terzo aeroporto del Lazio da destinare alle compagnie low cost, che la massiccia presenza di tali compagnie sia la principale causa della crisi di Alitalia, che la presenza della riserva naturale non consenta il raddoppio dell’area dell’aeroporto e, infine, che il Senato abbia approvato all’unanimità, il 30 maggio 2018, un ordine del giorno di Fratelli d’Italia che impegna il Governo “a potenziare l’aeroporto di Fiumicino entro i confini dell’attuale sedime aeroportuale”.

Mentre gli italiani stanno ancora aspettando la revoca delle assurde concessioni autostradali ad Atlantia della famiglia Benetton, il Governo PD-M5S già trama per fare un nuovo regalo ai Benetton, consentendo l’inutile speculazione sull’aeroporto di Fiumicino, guarda caso anch’esso in concessione ad Atlantia.

Non vorremmo che la speculazione su Fiumicino sia la compensazione che il Governo si appresta a elargire ai Benetton ora che le loro concessioni autostradali sono diventate indifendibili. Fratelli d’Italia continuerà a vigilare su questo scempio e non consentirà che una politica compiacente continui ad arricchire i soliti potentati a danno degli italiani, dell’efficienza del sistema aeroportuale e della salvaguardia dell’ambiente – conclude Fazzolari.