Seguici su

Cerca nel sito

Approvato il bilancio della Futuro Rifiuti Zero, il Sindaco di Formia: “Società solida, ma che va monitorata”

Il Sindaco: "L'obiettivo dei soci è mettere a disposizione dei cittadini servizi sempre più efficaci, ottimizzare i ricavi sulla differenziata e far partire la Tarip entro il 2021"

Il 30 di giugno scorso è stato approvato il bilancio della Futuro Rifiuti Zero (nuovo nome dell’ormai ex Formia Rifiuti Zero), la società municipalizzata dei Comuni di Formia e Ventotene, che si occupa della raccolta dei rifiuti.

“Non è stato un bilancio semplice – spiega sui suoi canali social il sindaco di Formia, Paola Villa – e, soprattutto, ci ha confermato in modo inequivocabile che la Frz, pur essendo una società piccola, è solida. Allo stesso tempo, però, i soci (ovvero i Comuni di Formia e Ventotene), hanno il dovere di controllarla in modo sì sereno, ma continuo. Soprattutto hanno il dovere di monitorarla attraverso una proficua collaborazione con la parte dirigenziale della società.

Il bilancio ratifica circa 207.000,00 euro di utile. Non solo, in queste intense settimane di lavoro, anche grazie alla fattiva collaborazione del Collegio sindacale della società, è stato possibile un riesame di alcune poste contabili riguardanti essenzialmente le economie risultanti dal consuntivo 2019 per la voce “gestione automezzi” con accantonamento delle stesse per l’implementazione della flotta mezzi in uso alla società”.

Stesso discorso è stato fatto per l’investimento relativo alla Tarip, non ancora avviata sebbene prevista nel Pef 2019. “Tali economie – sottolinea il Sindaco -, benché esposte correttamente, riguardavano parte dei ricavi (canone da Tari) regolarmente fatturati al Comune di Formia, i cui costi di riferimento non erano stati, appunto, ancora sostenuti dalla società. Questo è stato il proficuo lavoro che ha portato ad un bilancio che rappresentasse la più aderente realtà aziendale”.

Ma all’interno della Frz si respira anche aria di novità. Con l’approvazione del bilancio, infatti, termina anche l’incarico all’Amministratore Unico, dottor Raphael Rossi, che resterà in carica solo fino alla nomina del nuovo amministratore unico, che avverrà nei prossimi giorni, in quanto tale figura è attualmente in fase di selezione da parte della apposita commissione nominata nei mesi scorsi.

A sua volta, il nuovo amministratore provvederà alla nomina di un nuovo collegio sindacale “e, soprattutto – prosegue il Sindaco -, riprenderà e continuerà il percorso di crescita che deve caratterizzare sempre di più la Frz. In particolar modo, sarà compito del nuovo amministratore definire per bene i rapporti con i due soci, rendendo più chiari e trasparenti i conti e servizi ben distinti per i due comuni.

Quest’anno sono stati tanti i passi fatti dalla società, ma nel prossimo futuro, l’obiettivo dei soci è quello di mettere a disposizione dei cittadini servizi sempre più efficaci ed efficienti, ottimizzare i ricavi sulla differenziata, predisporre quanto serve perché la Tarip parta entro il 2021.

Sfide importanti- conclude il Sindaco –  senza che però le tariffe aumentino e ricadano con il loro peso sulla collettività. Ora bisogna portare le proposte di Pef in commissione ambiente e successivamente in consiglio comunale e, infine, bisognerà approvare un piano industriale che tenga conto del periodo storico “covid” e del nuovo sistema tariffario Arera”.

(Il Faro online)