Seguici su

Cerca nel sito

Fondo Covid, il Pd di Formia polemizza: “Nessuna iniziativa intrapresa a favore delle fasce più deboli”

Il Pd: "È incomprensibile l’assoluta inerzia e la non programmazione legata ai fondi da destinare per l’emergenza"

Formia – A Formia non si fermano le polemiche in merito all’utilizzo del fondo Covid. Stavolta a intervenire è stato il Partito democratico che, in una nota, ha voluto sottolineare: “In sede di approvazione di bilancio abbiamo anticipato in Consiglio e a mezzo stampa le nostre perplessità. Avevamo chiesto all’amministrazione più coraggio, avevamo chiesto di rimettere in discussione un documento economico-finanziario non più attuale alla luce dell’avvento del Covid e, di conseguenza, ridisegnarlo anche attraverso un percorso di ascolto con la città e con tutte le forze politiche.  L’Amministrazione ha scelto, purtroppo, un’altra strada.

Nonostante ciò, l’emergenza ci ha spinto, come anche richiesto dalla Sindaca, ad essere “unitari” e responsabili. Per senso di responsabilità e di rispetto nei confronti della città non abbiamo votato contro il bilancio di previsione (non partecipando al voto finale) pur criticandone l’impostazione.

Dobbiamo però prendere atto – proseguono i democratici – che, dopo più di due mesi, non è stata intrapresa nessuna iniziativa da parte dell’amministrazione a sostegno delle categorie maggiormente colpite dall’emergenza covid. Gli unici interventi fatti riguardano la gestione dei fondi stanziati da Governo e Regione a sostegno delle famiglie in difficoltà, gestione risultata a nostro avviso non soddisfacente, come abbiamo avuto modo più volte di rimarcare.

Scopriamo, inoltre, che la maggioranza sta pensando di destinare parte dei fondi accantonati nel famoso maxi-emendamento unitario a sostegno delle attività produttive, ad altro. Un fatto grave e inaccettabile, considerando la situazione di grande difficoltà in cui ci troviamo.

È incomprensibile l’assoluta inerzia e la non programmazione legata ai fondi da destinare per l’emergenza: come verranno erogati? Che risposte sono state date alle proposte avanzate dalle associazioni di categoria? Quali sono gli ambiti di intervento? Cosa si è deciso di fare sul tema delle imposte comunali?

Crediamo – prosegue la nota – che l’Amministrazione debba iniziare ad affrontare seriamente questi temi e prendere in considerazione quelli che sono i veri problemi di questo settore: lotta all’evasione, digitalizzazione, dotazione di personale e soprattutto programmazione. Alzare le tasse, come ha fatto l’Amministrazione Villa con l’addizionale irpef, ad esempio, è troppo facile!

Per concludere, chiediamo una maggiore capacità alla sindaca Villa di aprirsi al confronto con le altre forze politiche e con la città: non è possibile, come nel caso del bilancio, chiedere responsabilità, concordare alcune politiche e poi fare diversamente. Come non è fattibile prendere decisioni importanti a porte chiuse senza accogliere nessuna richiesta di ulteriori approfondimenti o di confronto con la cittadinanza. Troppo spesso si sceglie la strada del “prendere o lasciare”, fino ad ora ci sembra che questa logica abbia prodotto solo tantissime tensioni e pochissimi risultati concreti.”

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Formia