Seguici su

Cerca nel sito

Sabaudia, continuano i lavori per la messa in sicurezza del Ponte Giovanni XXIII

In questa fase si stanno completando gli interventi sulle stampelle di appoggio delle campate e sulle zattere, mentre per i fusti si procederà con tecniche e materiali diversi

Sabaudia – Proseguono gli interventi per il recupero funzionale di ponte Giovanni XXIII. Iniziati lo scorso 21 maggio, i lavori stanno interessando la parte sottostante e in particolare riguardano il risanamento delle pile di appoggio del ponte, costituite dalle zattere di fondazione, dai fusti e dalle stampelle superiori, con la rimozione delle parti degradate e successiva ricostruzione e risanamento con prodotti ad alte prestazioni.

In questa fase si stanno completando gli interventi sulle stampelle di appoggio delle campate e sulle zattere, mentre per i fusti si procederà con tecniche e materiali diversi, vista la particolarità delle lavorazioni da eseguire. Infatti le strutture sono state preventivamente ispezionate per verificare il loro stato di conservazione e in base a quanto riscontrato si sta procedendo alla esecuzione dei lavori adottando le tecniche e i materiali necessari a garantire la buona esecuzione delle opere e la loro durabilità.

Per la realizzazione delle opere la ditta incaricata sta operando sia da sotto il ponte, con pontili galleggianti e impalcature alla base dei fusti, sia dall’alto con cestello su autocarro stazionante sull’infrastruttura. Per lo stazionamento dell’autocarro è stato istituito un senso unico alternato sul ponte durante le lavorazioni, con ausilio di semafori che vengono rimossi al termine delle giornate lavorative lasciando libera la circolazione nel resto della giornata.

Questa in fase di realizzazione è la seconda tranche di interventi, a completamento del progetto di totale messa in sicurezza dell’infrastruttura fortemente voluto dall’Amministrazione comunale e mai realizzata negli ultimi decenni. Lo scorso anno, infatti, è stata portata a termine la manutenzione straordinaria inerente all’istallazione dei nuovi giunti e il risanamento dello stato di degrado della pavimentazione stradale. Per eseguire gli interventi è stato attivato presso la Cassa Depositi e Prestiti apposito mutuo per 400mila euro.